Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La clausola rischio-Italia di Daimler

MILANO — E la sfiducia si rifece viva, compressa tra le righe di un codicillo. Una nota scritta in fondo al prospetto di un bond tedesco che scade nel 2015, quotato a Vienna e venduto esclusivamente nel nostro Paese da una banca francese. Ed ecco, in sintesi, la clausola diffidente: «Pagheremo cedole e capitale nella valuta che avrà corso legale in Italia».
La fine dell’euro sembra, per ora, uno scenario superato. Anche alcuni cavalieri della Grande Rottura hanno deposto le armi polemiche e le scommesse al ribasso sui Btp. Ma, a pochi giorni dalle elezioni politiche italiane, evento a cui le grandi banche internazionali continuano a dedicare approfondite e preoccupate analisi finanziarie, arriva sul mercato una piccola obbligazione societaria targata Mercedes-Daimler con una tacca rossa in fondo al tachimetro. Il bond, insignito da Moody’s del rating A3 è infatti protetto, secondo un report della stessa agenzia citato da «Bloomberg», da una garanzia che si riferisce all’utilizzo della «moneta convertibile e liberamente circolante che, al momento dei pagamenti dovuti, sarà la valuta con corso legale dell’Italia».
In parole povere: se è l’euro bene. Altrimenti bene lo stesso, ma noi onoreremo il debito nella nuova valuta.
Formalità? Cavilli legali? Certamente in campo extra finanziario contratti con riferimenti a ipotetici cambiamenti valutari, nell’ultimo anno di passione ne sono stati siglati. Nel frattempo la febbre sui nostri titoli di Stato è scesa parecchio. Lo spread, la distanza di rendimento tra i Btp e i Bund tedeschi, è ritornato su dimensioni ben più fisiologiche di quelle che facevano temere il peggio.
Eppure, evidentemente, non basta. Il minibond con la sua clausola possibilista è lì a ricordare che la strada per uscire dal guado finanziario — e da quello ancora più profondo della mancanza di crescita economica — è ancora piuttosto lunga e accidentata.
Ed ecco i numeri. Il 12 febbraio è arrivata sul mercato l’emissione di Mercedes Benz Financial Services Italia, garantita da Daimler. Sono solo 150 milioni di euro, una taglia decisamente piccola sul mercato corporate. Il bond è interamente destinato al mercato italiano anche se sarà quotato a Vienna. Un prestito per grandi investitori (il taglio minimo è 100 mila euro) che è collocato dal lead manager Bnp Paribas.
Anche la durata è breve: scade il 21 agosto 2015, vale a dire tra due anni e mezzo. E non è a tasso fisso: paga una cedola calcolata aggiungendo all’Euribor trimestrale (il tasso interbancario dell’Euro) un quid pari a 60 punti.
Se non è un cavillo, assomiglia a un hedge: uno scudo per il peggio. Lasciandosi aperta la porta di denominare nella valuta «legalmente circolante» il debito collocato sul mercato italiano, Mercedes-Daimler immagina probabilmente un’operazione di riequilibrio tra attivi e passivi nella stessa valuta. Se l’Italia dovesse uscire dall’euro i loro investimenti nel nostro Paese sarebbero infatti a loro volta denominati in lire (o quel che sarà) e non più in euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa