Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La chimica made in Italy? Continua a crescere Le esportazioni su del 4%

MILANO. L’attesa è tutta per lui. Arriva poco prima che inizi la storica assemblea del centenario di Federchimica. Qui, Giorgio Squinzi, gioca in casa perché è proprio dalla federazione dei chimici che ha scalato i vertici di Confindustria. Il convitato di pietra al teatro Dal Verme (che porta con sé gli interrogativi dei cronisti) è però Versalis, il polo della chimica verde controllato dall’Eni. Il Cane a sei zampe ha deciso di metterlo in vendita provocando gli strali dei sindacati. Unanimi i confederali ipotizzano che la cessione al fondo Usa Sk Capital determini un impoverimento per il sistema Paese. «Mi sembra un’alleanza strategica per far crescere e stabilizzare la grande petrolchimica italiana», ribatte Squinzi.

La filiera tricolore d’altronde è composta per l’85% da piccole e medie imprese. L’anno 2015 fa registrare dati lusinghieri. Valore complessivo del comparto: 52 miliardi di euro. Un mercato interno (dopo anni di domanda asfittica) con volumi in ripresa dell’1,3%. Le esportazioni su del 4% che trainano il surplus commerciale nei confronti dell’estero a quasi 3 miliardi di euro. La conseguenza diretta è il calo di ore di cassa integrazione del comparto. Storicamente a bassa, bassissima conflittualità sociale. In cui il rapporto con i sindacati è stato sempre scevro da contrapposizioni profonde. Anche perché Federchimica, ed è a suo modo un unicum, sostiene da sempre la cornice nazionale dei contratti. Sfuggendo alle sirene della contrattazione aziendale. O almeno inquadrandola soltanto come «plus» per le multinazionali che hanno caratura e dimensioni tali da permettersi un generoso integrativo. In filigrana c’è il tema dell’innovazione. I numeri sugli investimenti in beni strumentali (la cartina di tornasole per chi scommette sulla ricerca e l’automazione) sono ancora impietosi nonostante il recente bonus ammortamento al 140%. Cesare Puccioni, presidente di Federchimica, punta per questo convinto sulla formazione con premi e tirocini retribuiti per tesisti meritevoli.

Fabio Savelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa