Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La carta di Padoan per convincere i falchi

L’Eurogruppo dei ministri finanziari ha in agenda l’ennesimo tentativo di far procedere il piano di salvataggio della Grecia. Ma, nella riunione di oggi a Bruxelles, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan sarà impegnato soprattutto a convincere informalmente il responsabile tedesco delle Finanze Wolfgang Schäuble e altri colleghi di Paesi del Nord sulla sostenibilità del maxi debito italiano e sulla disponibilità del governo Gentiloni a realizzare la manovra correttiva dello 0,2% del Pil, proposta dalla Commissione Ue (e sollecitata da Berlino).

L’Italia rischia una procedura per non aver rispettato gli impegni presi con Bruxelles principalmente a causa dell’indebitamento, stimato in salita intorno al 133% del Pil e lontano dall’obiettivo del 60%. Le Previsioni economiche della Commissione hanno poi segnalato all’Eurogruppo che l’Italia è l’unico Paese membro con crescita inferiore all’1% del Pil (0,9% nel 2017). Il contesto generale favorevole — grazie agli stimoli della Bce di Mario Draghi, tassi d’interesse vicini allo zero, euro debole e bassi prezzi del petrolio — è stato invece utilizzato dagli altri Stati per crescere intorno a 2, 3 o 4%. Restano preoccupanti anche i crediti deteriorati nel sistema bancario e il cosiddetto «ciclo politico», che fa temere — in vista delle prossime elezioni in Italia — aumenti di spesa pubblica con logiche di consenso più che di sviluppo.

Schäuble e il presidente olandese dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, probabilmente condizionati dalle elezioni in arrivo nei loro Paesi, vorrebbero rassicurare i connazionali sul rispetto dei vincoli Ue di bilancio da parte del governo italiano e sul rischio di ripetere il tracollo greco con un Paese molto più grande. I ministri finanziari di Portogallo, Grecia, Cipro e (in parte) Francia appoggiano le richieste di Padoan per più flessibilità sul debito e più tempo per la correzione dello 0,2%. Il compromesso potrebbe replicare quello a favore di Spagna e Portogallo, che hanno subito la richiesta della Commissione Ue di procedura per deficit eccessivo e poi ottenuto l’azzeramento di fatto delle sanzioni nel livello decisionale dell’Eurogruppo/Ecofin.

La Commissione potrebbe così limitarsi a proporre di richiamare l’Italia per il maxi debito. Uno specifico rapporto è tra quelli sviluppati dagli euroburocrati di Bruxelles. Le bozze di lavoro potrebbero essere completate oggi dai 28 capi di gabinetto della Commissione e passare mercoledì — come base di discussione — per le valutazioni dei commissari. Il francese Pierre Moscovici, commissario per gli Affari economici, ha escluso «ultimatum» all’Italia e intende trattare in modo «costruttivo» con Padoan anche oggi all’Eurogruppo. Due vicepresidenti della Commissione, il lettone Valdis Dombrovskis e il finlandese Jirky Katainen, guidano i colleghi più vicini alla linea di Schäuble. Ma alla fine i commissari Ue in genere si adeguano a quanto viene deciso nelle principali capitali e trasferito a Bruxelles dall’Eurogruppo/Ecofin.

Ivo Caizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa