Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dopo la Brexit la Ue ha meno soldi

Il budget della Ue è sotto tensione a seguito della Brexit mentre Bruxelles deve fronteggiare importanti sfide come la crisi migratoria, la necessità di rinforzare la difesa europea e la rivoluzione digitale. Bruxelles ha chiesto agli uffici di ipotizzare tre scenari per le principali poste di bilancio, secondo quanto ha riportato Le Monde.

Il primo, prevede una diminuzione del 15% in rapporto al Cfp (quadro finanziario pluriennale), il secondo del 30% e il terzo ipotizza lo status quo. La Pac, la politica agricola comune, rischia di essere messa a dura prova. Secondo la prima ipotesi (-15%) la dotazione globale per il 2021-2027 scenderebbe a 350,5 miliardi di euro contro i 408 miliardi del periodo 2014-2020. Nella seconda ipotesi che prevede un ribasso del budget del 30% porterebbe ad una riduzione ancora più brutale per l’agricoltura svedese, finlandese, ungherese, rumena. Questi scenari restano ipotesi di lavoro a base della discussioni interne alla commissione che sta preparando il bilancio per maggio 2018. L’ammontare complessivo della quadro finanziato pluriennale è di 1.025 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 apportati perlopiù dagli Stati membri secondo il proprio peso economico. L’ammontare allocato della politica agricola comune, Pac, è di 408 miliardi di euro. La Pac incide per il 39% sul budget dell’Unione europea. Secondo quanto risulta a Le Monde, l’ipotesi di una riduzione del 15% del budget per la Pac e la politica di coesione parrebbe piuttosto realista. E per compensare questi tagli l’ipotesi sarebbe quella di chiedere maggiori contributi agli stati membri. E c’è chi nella Commissione, presieduta da Jean-Claude Junker, riflette sull’ipotesi di uno stanziamento speciale di 30 miliardi per la zona euro per il futuro del Cfp che bisognerà andare a cercare da qualche parte. La commissione deciderà l’8 dicembre, ma la discussione si annuncia esplosiva.

Ettore Bianchi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa