Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Brexit fa cadere la sterlina

Brusca reazione negativa degli asset britannici alla notizia che il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha chiesto alla regina Elisabetta (che ha dato il suo assenso) di sospendere il parlamento per diverse settimane prima dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea: una mossa che rende più difficile per i legislatori bloccare un’eventuale Brexit senza accordo. La sterlina viaggiava in brusco calo dopo la notizia: il cambio con il dollaro è sceso da 1,2270 a 1,2184 per poi assestarsi a 1,2208. Secondo gli analisti di Seb bank la valuta d’Oltremanica verrà messa sotto pressione: «Ci aspettiamo nuovi minimi contro il dollaro e l’euro, ben al di sotto dei livelli di inizio agosto. Il Regno Unito si sta avviando verso una crisi istituzionale senza precedenti».I rendimenti dei Gilt, i titoli pubblici britannici, si sono invece portati sui minimi recenti allo 0,449%, a causa delle maggiori probabilità di una Brexit senza accordo. Se questa si materializzasse, potrebbe avere come conseguenza una recessione dell’economia e un conseguente taglio dei tassi da parte della Bank of England. Entrambi gli elementi favoriscono la domanda di asset ritenuti sicuri come, appunto, i Gilt.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il caso Unicredit-Mps, che ha posto le premesse per il passo indietro dell’ad Jean Pierre Mustier ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con il lockdown la richiesta di digitalizzazione dei servizi finanziari è aumentata e le banche han...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Credito Valtellinese ufficializza il team di advisor che aiuterà la banca nel difendersi dall’...

Oggi sulla stampa