Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Borsa scommette, rialzo del 3,1% Rehn avverte: ora serve stabilità

I mercati hanno parlato. E anche l’Unione europea, con quasi tutti i suoi leader. Alle 17.37 in punto, quasi in tempo reale, la Borsa di Milano segnala il suo sollievo per le parole di Angelino Alfano e degli altri «ribelli» del centrodestra, cioè per la promessa di una rinnovata fiducia all’attuale governo italiano: chiusura in forte rialzo, +3,11 per cento e cioè il miglior risultato fra tutte le Borse europee, bene le azioni delle banche (Intesa +6,43%, Unicredit +5,31%) e benissimo anche quelle di Mediaset (+6,60%), che nei giorni scorsi avevano sbandato vistosamente.
Venti minuti dopo il brindisi di Piazza Affari, rimbalza da Parigi il monito dell’Unione europea: garantite la vostra stabilità, perché è anche la nostra. Olli Rehn, commissario Ue agli affari economici e monetari, parla a una conferenza dell’associazione della stampa francese, naturalmente parla della Francia ma a un certo punto sospende cambia discorso: «Lasciatemi dire una parola sull’Italia… esprimo la mia forte speranza che torni alla stabilità politica il più presto possibile». È molto importante, aggiunge, che «ristabilisca la sua capacità di prendere decisioni», in vista delle prossime scadenze fissate dal patto di Stabilità. E queste sono «le molte importanti decisioni che sono necessarie per il ritorno alla crescita e alla creazione dei posti di lavoro». Rehn si dice comunque fiducioso nel fatto che governo e Parlamento, «nonostante l’instabilità, riusciranno a garantire che il Paese rispetti i suoi impegni» sul deficit, «per il bene dell’economia e del popolo italiano in primo luogo».
Il commissario Ue aveva esordito con un preambolo diplomatico, «naturalmente spetta ai leader politici italiani trovare la via giusta nell’interesse dei loro cittadini»: consueto antidoto preventivo alle accuse di interferenza politica. Ma subito dopo, ecco il monito forse più severo, se non drammatico, delle ultime settimane: «al tempo stesso, dobbiamo essere consapevoli che c’è molto in ballo e che adesso riguarda tutti i cittadini europei. L’Italia è la terza economia dell’euro e l’impatto di ciò che avviene là non si ferma ai confini del Paese. Viene percepito da tutta l’Europa. Il progresso, o la mancanza di progresso, dell’Italia, i risultati da lei ottenuti o non ottenuti, sono anche quelli dell’Europa».
Sempre ieri, più o meno le stesse parole le ha pronunciate il presidente del Parlamento europeo, il tedesco Martin Schulz: «Una caduta del governo creerebbe enormi turbolenze politiche e sui mercati finanziari». Schulz ha parlato con Guglielmo Epifani, per avere conferma della compattezza del Pd, poi si è rivolto al centro-destra italiano: chi oggi voterà la fiducia a Letta «non sarà né un traditore né un eroe, ma un deputato e un senatore responsabile». Infine anche Angel Gurrìa, segretario generale dell’Ocse — l’Organizzazione per la cooperazione e e lo sviluppo economico — ha detto indirettamente la sua, ricordando a Roma che la stessa Ocse «è sempre stata contraria all’abolizione dell’Imu».
I mercati e la Ue hanno parlato: oggi si vedrà se l’Italia ascolta, e se ha capito.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa