Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La borsa resta positiva

Continua l’andamento positivo delle borse europee, con Milano in vetta: il Ftse Mib ha guadagnato l’1,12% a 19.805 punti. Acquisti anche a Francoforte (+1,01%), Parigi (+0,84%) e in misura minore a Londra (+0,06%), appesantita dall’incertezza sulla Brexit. A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano di oltre un punto percentuale. Gli investitori hanno valutato favorevolmente, da un lato, l’accordo raggiunto negli Stati Uniti per evitare la chiusura dell’attività governativa e, dall’altro, il clima di fiducia per i negoziati commerciali fra Washington e Pechino.Lo spread Btp-Bund è sceso di 6 punti a 268. Ieri è iniziata una nuova tornata di collocamenti obbligazionari nell’Eurozona, con oltre 10 miliardi di euro di titoli a media e lunga scadenza, assieme a 6,5 mld di titoli messi in asta dall’Italia. Per quanto riguarda questi ultimi, sono stati collocati 6,5 miliardi di titoli a un anno. Il tasso è sceso allo 0,181%, sui minimi dallo scorso 10 maggio, prima dell’insediamento del governo, quando il collocamento aveva visto un rendimento negativo. La domanda è stata pari a 10,7 miliardi, con un rapporto di copertura dell’1,65%. Un operatore ha spiegato che il collocamento «è arrivato dopo una settimana turbolenta per i titoli italiani, con il Btp 2049 via sindacato e il brusco rialzo dello spread. C’era qualche dubbio su una possibile interruzione del trend di tassi in calo sul mercato primario italiano, ma i dati in arrivo sono rassicuranti in vista delle emissioni di Btp di domani (oggi, ndr)».

A piazza Affari in luce Pirelli (+6,12%), grazie ai dati di bilancio positivi di Michelin (+13,05%). Su di giri anche per Stm (+5,39%), Brembo (+3%) e Juventus Fc (+2,37%). Nel comparto del lusso, S. Ferragamo è salita del 3,66% e Moncler del 2,48%. Fra le utility ben comprata Enel (+1,13%).

Ancora denaro sul comparto bancario: Ubi +2,37%, Unicredit +2,32%, Banco Bpm +1,89%, Intesa Sanpaolo +0,32%. In gran spolvero Mps (+7,16%) e Banca Ifis (+13,96% a 20,9 euro): su quest’ultima Equita sim ha alzato il prezzo obiettivo da 19,4 a 21,1 euro confermando il rating hold. In controtendenza Bper (-0,29%).

Hanno chiuso in territorio negativo Amplifon (-0,55%), Campari (-0,63%) e Prysmian (-1,07%): l’Antitrust brasiliano potrebbe sanzionare l’azienda dei cavi per 96 milioni di euro. Nel resto del listino bene Carel (+2,03%). Su Aim Italia, infine, sotto i riflettori A. Bardolla (+7,07%).

Nei cambi, l’euro è terminato in progresso sopra 1,13 dollari a 1,1310, sui massimi di seduta. Per le materie prime, quotazioni petrolifere in progresso di circa un dollaro, con il Brent a 62,60 dollari e il Brent a 53,29. Tornano gli acquisti sull’oro, che saliva di 3 dollari a 1.310.

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa