Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La borsa arretra

Seduta negativa per le borse europee, con Milano maglia nera: il Ftse Mib ha ceduto lo 0,74% a 20.698 punti. Le vendite hanno prevalso anche a Francoforte (-0,60%), Londra (-0,53%) e Parigi (-0,40%). A pesare sul mercato è stato l’annuncio della Bce, che ha tagliato le stime di crescita e di inflazione dell’Eurozona, confermando i timori sul rallentamento dell’economia. A New York il Dow Jones e il Nasdaq viaggiavano in calo rispettivamente dello 0,54 e dello 0,78%.Lo spread Btp-Bund è sceso di 6 punti a 242 e i rendimenti dei titoli di stato dell’Eurozona hanno accelerato al ribasso dopo l’intervento del presidente della banca centrale, Mario Draghi. Il tasso del decennale è diminuito di 16 punti base al 2,49%. Secondo Karen Ward, di JPMorgan, il mercato ha accolto bene la «proattività» della Bce: le decisioni prese ieri «dovrebbero aiutare a stabilizzare il sentiment e l’attività nell’Eurozona» anche se, per una svolta decisiva quest’anno, «è necessario un significativo rimbalzo dell’economia cinese».

«Draghi colpisce ancora e sorprende con un pacchetto che va ben oltre le attese», osserva Anna Maria Grimaldi, di Intesa Sanpaolo, che però si chiede: «Basterà a consolidare una fase di crescita ancora debole e, soprattutto, a riportare l’inflazione verso il target? Il futuro della politica monetaria dopo Draghi non è banale».

A piazza Affari hanno chiuso in rosso i titoli bancari: Ubi -4,98%, Banco Bpm -3,97%, Unicredit -3,02%, Bper -2,94%, Intesa Sanpaolo -2,22%. Lettera anche su doBank (-1,82%) che ha ricevuto da Fitch, per il decimo anno consecutivo, il rating RSS1- e CSS1-: è il massimo livello previsto per le attività di special servicer.

Male, nel comparto industriale, Cnh I. (-2,39%), Fiat Chrysler (-2,28%) e Stm (-2,11%). Si è mosso in controtendenza il settore delle utility: A2A è salita del 2,23%, Enel dell’1,93%, Terna dell’1,78%, Snam dell’1,76% e Italgas dell’1,49%. Nel risparmio gestito denaro su Azimut H. (+1,29%), che ha accelerato dopo la pubblicazione dei conti 2018.

Nel resto del listino tonica Acea (+2,75% a 14,95 euro): Kepler Cheuvreux e Mediobanca Securities hanno alzato il prezzo obiettivo rispettivamente da 15,5 a 16,5 euro e da 17,5 a 18 euro. Su Italmobiliare (+3,54% a 20,50 euro) Equita sim ha confermato il giudizio buy, migliorando il target price da 24,3 a 26 euro. Su Aim Italia, infine, in gran spolvero Sostravel.com a +8,71%.

Nei cambi, l’euro è sceso ai minimi da quasi un mese a 1,1223 dollari, sui minimi di seduta, dopo gli annunci della Bce. Per le materie prime, quotazioni petrolifere a due velocità, con il Brent in discesa di 13 centesimi a 65,86 dollari e il Wti a 56,37 dollari (+15 cent). L’oro cedeva un dollaro a 1.285.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa