Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La bocciatura di Atene e la paura dell’inflazione ora spaventano le Borse

di Luigi Offeddu

BRUXELLES— Oggi, i 17 Paesi della zona Euro si ritrovano nel vertice straordinario dei loro capi di Stato e di governo. Devono discutere del patto di competitività proposto da Angela Merkel, delle nuove misure contro la crisi. Ma niente sarà facile. Scricchiolii minacciosi arrivano dai 4 angoli del continente, il cielo delle economie non si rasserena, anzi è sempre più cupo: le Borse slittano malamente (Milano -1,59%; Francoforte -0,96%, Londra -1,55%, Parigi -0,75%e, soprattutto, Wall Street ha chiuso sotto quota 12 mila punti in calo dell’ 1,87%) dopo l’annuncio della Banca centrale europea che conferma un possibile rialzo dei tassi per contenere le pressioni inflazionistiche legate anche al rincaro del petrolio, e definisce «poco solida» la situazione dei conti pubblici. Il direttivo della stessa Bce si dice ora «pronto a intervenire con fermezza e tempestività» , in modo che l’aumento dell’inflazione (2,4%a febbraio, già oltre i livelli di allarme) non inneschi una spirale al rialzo salari-prezzi. D’altronde, avverte l’Eurotower, la fiammata inflazionistica anche se «derivante dai bruschi rincari dei beni energetici e alimentari» , è già «ravvisabile anche nelle prime fasi del processo produttivo» . Ma il monito va anche più in là e si fa più allarmato: per la Bce, «la possibilità di una futura crisi del debito sovrano non può escludersi completamente» , e perciò «serve un meccanismo permanente per affrontare una crisi di liquidità o di insolvenza a livello sovrano» . L’appello che giunge da Francoforte, a poche ore dal vertice europeo, è per una «riforma ambiziosa del quadro di governance economica dell’area» . Questi sono i progetti a lungo termine. Ma, nell’immediato, ci sono quegli scricchiolii in giro per l’Europa, e sono tanti. Sulla stessa china delle Borse scivola l’euro, che nel suo cambio contro il dollaro ripiomba a quota 1,38. Ma soprattutto, mostrano rinnovati segni di debolezza i Paesi più fragili: il Portogallo, la Grecia e la Spagna (ieri declassata da parte di Moody’s) vedono impennarsi di nuovo gli spread, le differenze di rendimento fra i loro titoli di Stato decennali e gli omologhi Bund tedeschi. Lo spread del Portogallo è già alla soglia dell’ 8%, quasi insostenibile (la Grecia infatti non resse, allo stesso livello) per un governo che deve continuare a promettere e pagare sempre di più al fine di rastrellare soldi sui mercati: al vertice di oggi, si dà quasi per certo che i governanti di Lisbona si sentiranno chiedere da molti altri di mollare lo scudo dell’orgoglio, di accettare un piano di salvataggio europeo come quelli già accettati dall’Irlanda e dalla Grecia. Lisbona per ora resiste, ma il conto alla rovescia è già partito da tempo. Anche il premier greco Georges Papandreou si sentirà fare molte domande a Bruxelles. La sua reazione furibonda alla bocciatura operata dall'agenzia Moody's non ha trovato molti simpatizzanti nei palazzi della Ue. E tanto meno la lettera spedita ai leader Ue dal ministro greco delle Finanze, George Papaconstantinou, che chiede «un’azione urgente contro le agenzie di rating e la loro mancanza di affidabilità» . Venendo subito dopo una bruciante bocciatura sul piano internazionale, e dopo altri giudizi staffilati da Atene («la decisione di Moody’s è completamente ingiustificata, e la sua scelta di tempo è incomprensibile» ) l’appello è apparso, come dire, un tantino partigiano: e l’Europa, da quest’orecchio, non ci sente. Il fatto poi che la Grecia e anche l’Irlanda stiano già premendo per rinegoziare i tassi dei prestiti loro concessi, indispone molti dei creditori più recalcitranti, per esempio la Germania. Oggi, tutti riuniti intorno allo stesso tavolo: e non sarà una vertice facile.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa