Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La benzina fa correre l’inflazione al 2,5%

di Antonella Baccaro

ROMA — Non si arresta la corsa dei prezzi. Secondo le stime provvisorie dell’Istat, il tasso di inflazione a marzo è salito al 2,5%rispetto al 2,4%di febbraio. Il tasso tendenziale è il più alto da novembre 2008, quando l'inflazione si attestò al 2,7%. In un mese invece l’aumento è stato dello 0,4%. L'accelerazione dell'inflazione, spiega l'Istat, risente in primo luogo delle tensioni sui beni alimentari e sui beni energetici non regolamentati (carburanti, gasolio da riscaldamento). Al netto di questi beni, l’indice è pari all'1,8%, mentre esclusi solo quelli energetici, si attesta all'1,9%. A sostenere la dinamica dei prezzi contribuiscono però anche i servizi e, in particolare, i trasporti e i servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona. Nel dettaglio, i prezzi della benzina, a marzo, hanno registrato un'impennata del 12,7%rispetto allo stesso mese del 2010 e del 3,4%rispetto a febbraio 2011. Mentre il prezzo del gasolio è aumentato del 18,5%su base annua e del 4,3%su base mensile. Anche l’arrivo della bella stagione sta provocando rialzi dei prezzi di beni e servizi legati alle vacanze. Secondo le stime provvisorie dell'Istat, a marzo i voli aerei sono aumentati rispetto a febbraio del 12,7%. Aumento «legato in parte a fattori stagionali» , spiegano all'istituto di statistica, dove rilevano che, per la stessa voce, si registra una flessione su base annua del 4,9%. Non accenna a diminuire il costo delle assicurazioni: i prezzi crescono del 5,8%su marzo 2010 e dello 0,1%su febbraio. Anche in Europa l’andamento è all’insegna del rialzo: secondo la stima flash di Eurostat, a marzo l’inflazione è salita al 2,6%, rispetto al 2,4%di febbraio, un dato più alto delle attese. Inevitabile un rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale europea che si riunirà il 6 aprile. Il membro del consiglio direttivo della Bce, Lorenzo Bini Smaghi, lo ha ammesso: «Aumenteremo i tassi gradualmente. Mantenerli a questi livelli non è appropriato perché rifletterebbero una politica espansiva» . Tornando al nostro Paese, secondo Confcommercio, «almeno fino all'estate, e in assenza di variazioni sostanziali, i prezzi dei beni alimentari mostreranno un profilo crescente» . Federdistribuzione fa notare che «i prezzi nei punti vendita del commercio moderno aumentano molto meno delle tariffe» . Preoccupato il leader della Cgil, Susanna Camusso, mentre l’associazione dei consumatori Codacons calcola, tra inflazione e aumenti delle bollette, «una stangata pari a 1.240 euro annui a famiglia» .

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Banche alla verifica degli stress test dopo il Covid. Quante sono le aziende affidate che hanno pos...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo 10 anni passati a riaversi dai traumi della crisi finanziaria 2008 e cinque a tagliare i risch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«È una riforma importante quella di cui stiamo discutendo in questi giorni — dice il neo presid...

Oggi sulla stampa