Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La beffa d’estate delle valute. I cambi oscillano di oltre il 20%

MILANO — L’effetto estate colpisce anche le valute. Così come nei week end dell’esodo il pieno di benzina immancabilmente rincara e le stanze d’albergo costano il doppio che a ottobre, cambiare dollari o sterline in euro nel periodo più turistico dell’anno non è davvero il momento migliore.
La prova è in bella mostra sui cartelloni elettronici dei cambio-valute che si trovano nelle stazioni, negli aeroporti e nelle strade centrali delle città d’arte. Le tabelle di cambio, per ogni valuta estera, non indicano un solo valore, ma due. A fianco alla bandiera nazionale e al nome del Paese, il cartellone riporta il prezzo di acquisto e di vendita di quella valuta. Qualsiasi bene venduto su un mercato finanziario (azioni, obbligazioni, merci) ha un prezzo differente a seconda che sia acquistato o venduto e il prezzo a cui un operatore finanziario (nel nostro caso l’ufficio cambi) vende sarà sempre superiore a quello a cui acquista.
Ma a quanto può arrivare la differenza? Guardando i cartelloni del money exchange anche molto in alto. A titolo di esempio, in un cambio-valuta italiano questi erano i cambi offerti ieri: il dollaro Usa era acquistato a 1,43 e venduto a 1,26. Ciò significa che un turista americano per prendere 100 euro deve corrispondere 143 dollari, ma quando torna allo stesso ufficio prima di partire e vuole cambiare gli euro rimasti, otterrà soltanto 126 dollari per 100 euro. La differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita (il cosiddetto spread) è di 0,17 centesimi, che corrispondono al 14 per cento. Stesso discorso per la sterlina, acquistata a 0,94 e venduta allo 0,79 (con uno spread di 0,15 sterline pari al 20%), oppure per il franco svizzero, che varia da 1,34 a 1,10 contro l’euro (con una differenza di oltre 21%). Questo spread – oltre a eventuali commissioni – costituisce il guadagno che l’operatore ha per il servizio che offre.
Certo, i tassi di cambio applicati dai money exchange sono diversi da quelli ufficiali. I valori delle valute che leggiamo sui giornali o su Internet non sono quelli applicati quando cambiamo il nostro denaro. Ieri, per esempio, il cambio euro-dollaro secondo le rilevazioni della Bce si attestava intorno a 1,33, mentre quello con la sterlina era intorno a 0,86 e il franco svizzero a 1,23. Ma la «forchetta» tra prezzo di acquisto e di vendita appare molto ampia. Vien da sospettare che valga la più classica delle leggi di mercato: con tanti clienti/turisti che vogliono acquistare l’euro, il prezzo sale. Addetti ai lavori fanno notare che denaro contante ha un costo dovuto alla sua materialità: deve essere spostato e custodito e spostare, il che implica dover provvedere alla logistica e alla sicurezza. Come evitare di incappare in oscillazioni che superano il 20 per cento? Andare in banca potrebbe essere una buona soluzione. Lo spread, allo sportello, è più basso, ma comunque importante: a titolo di esempio, uno dei maggiori istituti bancari italiani ha una forchetta intorno al 7 per cento. La sterlina è acquistata a 0,89 e venduta a 0,83. Il dollaro Usa è acquistato a 1,38 e venduto a 1,29.
Inoltre, alcune banche (anche se non tutte) oggi non offrono più il servizio cambio al turista, ma soltanto ai loro clienti, perché dovrebbero identificare la persona a prenderne i dati personali e l’operazione richiederebbe troppo tempo e utilizzo di risorse. Quelle che lo offrono di solito hanno poca disponibilità e chiedono di prenotare i soldi.
Differenze di cinque, dieci 0 15 centesimi sono ancora più significative se si confrontano con gli spread che viaggiano al Forex, il mercato mondiale delle valute: qui si parla di decimillesimi. «Quando le valute sono molto liquide, come il caso dell’euro-dollaro – spiega Chris Walker, Currencies Strategist di Barclays – lo spread tende a essere piccolissimo, di circa uno o due “pips” (0,0001), a seconda dei volumi e delle condizioni».
La soluzione (ove possibile) è utilizzare la carta di credito. Alle transazioni saranno effettuati i tassi di cambio valutari ufficiali di quel giorno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa