Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce: tensione sui debiti di Italia e Spagna

di Marika de Feo

FRANCOFORTE — Allarme della Bce sui debiti sovrani di Italia, Spagna e Belgio. Secondo la Banca centrale europea la crescita continua, ma le pressioni inflazionistiche, attualmente sotto controllo, «potrebbero salire» . I tassi di interesse rimangono «ancora» appropriati, ma restano sotto «monitoraggio molto attento» . Per questo Jean-Claude Trichet ribadisce l'urgenza di proseguire nel consolidamento dei conti e nell'attuazione di riforme strutturali volte a migliorare la competitività e ad aumentare la fiducia dei mercati. Per ora altalenante. «Le tensioni nei mercati del debito sovrano dell'area sono rimaste elevate» , nota il presidente della Banca centrale, a novembre e dicembre «non si sono limitate soltanto a Grecia, Irlanda e Portogallo, ma si sono manifestate anche in altri paesi dell'area euro, quali Spagna, Italia e Belgio» . E non è finita con le turbolenze di fine anno. «Il modesto restringimento dei differenziali è attribuito dagli operatori di mercato all'accresciuta attività associata al Programma (di acquisto) dei titoli finanziari condotto dalla Bce» (salita la settimana scorsa a 1,3 miliardi). Ieri gli spread sono calati ancora in modo generalizzato— quello dei decennali italiani sul Bund ha toccato il minimo da metà dicembre a 155,4 punti base— in un mercato volatile, sulla scia di voci di riforma del fondo Salva-Stati, che potrebbe essere delegato dalla Ue al riacquisto dei bond. Mentre il Fondo Monetario non ha escluso la possibilità di estendere il prestito alla Grecia. E la stessa Bce sottolinea come l'andamento dei Credit default swaps stia ad indicare ancora «tensioni nei mercati del debito sovrano dell'area euro» : il loro livello rimane «di 20 punti base superiore a quello medio dei Cds dei Paesi nell'area orientale dell'Ue» . Intanto Francoforte si concentra «con molta attenzione» sui rischi di inflazione, ora sotto controllo, ma suscettibile di nuove fiammate. E già gli esperti dibattono il «dilemma» della Bce, che potrebbe aumentare i tassi di interesse in anticipo — secondo alcuni da giugno— e avrebbe bisogno di definire una exit strategy dalla fase emergenziale. Lorenzo Bini Smaghi, del board Bce, ha avvisato che «un'uscita ritardata dalle misure accomodanti straordinarie potrebbe gettare i semi di futuri squilibri» . Nel frattempo, la Bce, assumendo ieri attraverso Trichet la presidenza del Systemic Risk Board per la supervisione macroeconomica, ha posto le basi per una rilevazione e prevenzione dei rischi sistemici per il futuro. Sulle borse hanno pesato i timori di inflazione e di prossimi passi restrittivi da parte della Cina: Londra ha perso l'1,82%, Parigi lo 0,3%, Francoforte lo 0,83%. In controtendenza Milano, che ha guadagnato lo 0,16%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un bel salto in avanti. Mauro Pastore si trova proiettato dalla Bcc di Roma alla guida del quarto gr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le piccole Srl possono dire addio all’obbligo di nominare l’organo di controllo interno. Ma il d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Diminuiscono i tempi di definizione delle esecuzioni immobiliari nei tribunali italiani. Lo scorso a...

Oggi sulla stampa