Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce teme la corsa dei prezzi «Possibili tassi più alti ad aprile»

di Marika de Feo

ANCOFORTE — La Banca centrale europea ha lasciato i tassi di interesse invariati all'1%, ma ha preparato i mercati. a un aumento del costo del danaro «possibile» già nella prossima riunione del Consiglio direttivo di aprile, perché, come ha spiegato il presidente Jean-Claude Trichet, «i rischi sui prezzi sono al rialzo» . E per questo è necessaria una «forte vigilanza» sugli sviluppi della situazione, mentre la Bce è «pronta ad agire» in ogni momento per «contenere i rischi al rialzo dei prezzi» e per «evitare effetti di rimbalzo» dovuti agli shock degli aumenti del petrolio e delle materie prime, che renderebbero permanente l'incremento dell'inflazione. E quindi, ha concluso Trichet parlando in modo molto esplicito, «non è certo, ma è possibile un aumento dei tassi d'interesse il mese prossimo» , indicando comunque che potrebbe trattarsi di un rialzo contenuto — probabilmente dello 0,25%— che non costituirà «l'inizio di una serie di aumenti» . Un orientamento, quello della Bce, che non piace al Fondo monetario internazionale: «La politica monetaria deve rimanere accomodante» , ha dichiarato Ajay Chopra, direttore del Dipartimento europeo del Fondo, al meeting di Washington. Il numero uno francese della Bce ha sottolineato che la decisione definitiva sarà presa soltanto nella prossima riunione del 7 aprile, mentre «monitora con estrema attenzione» gli avvenimenti geopolitici in atto in Libia e in altri punti caldi del Nord Africa. Ad ogni buon conto, Trichet evita di giudicare «appropriato» l'attuale livello dei tassi, anche perché la crescita economica, pur in un clima di «incertezza elevata» , si sta irrobustendo, spronata dall'export e dalla domanda interna. E lo staff della Bce ha aumentato le previsioni del Pil (Prodotto interno lordo) all'1,7%per il 2011 e al 2,3%nel 2012. Ma ha anche ritoccato in modo considerevole le stime per l'inflazione, al 2,3%per il 2011 (dall'1,8%di dicembre) e all'1,7%per il 2012 (dall'1,5%). Da qui la mossa preventiva annunciata da Trichet, che ieri ha spronato l'euro oltre quota 1,39 sul dollaro, ai massimi da 14 mesi, perché la Bce si muove in anticipo rispetto alla Fed americana, la quale ieri ha giudicato ancora «appropriati i tassi di interesse» . Nel frattempo, i bund future sono scesi a quota 122,93, in calo di 75 centesimi rispetto al riferimento precedente. E le Borse valori, retrocesse dopo le parole di Trichet, hanno ripreso quota in serata, trainate dall'euforia di Wall Street per il miglioramento dei dati occupazionali e il calo del petrolio — il light crude è sceso a 100,2 dollari il barile — sulla scia di speranze di un imminente piano di pace Il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet. Il costo del denaro in Europa adesso è all’ 1%. Francoforte ha annunciato che ad aprile salirà per la Libia. Londra ha guadagnato l'1,52%, Parigi lo 0,64%e Francoforte lo 0,66%, ma Milano, in controtendenza, ha perso lo 0,38%. Trichet ha parlato ieri al termine della riunione del Consiglio direttivo alla quale ha partecipato anche il Commissario per gli Affari monetari Olli Rehn. E gli operatori dei mercati hanno letto la decisione «unanime» dei governatori come una dichiarazione di indipendenza della Bce e un pungo- lo ai governi di Eurolandia ad attuare il consolidamento dei conti e le riforme. E a mettersi d'accordo in fretta sul pacchetto complessivo per la stabilizzazione dell'euro, prima che il costo del denaro salga e metta in difficoltà soprattutto i Paesi periferici come il Portogallo, che entro giugno deve attingere 9 miliardi dai mercati. Ma anche le banche devono destinare i profitti alla ricapitalizzazione, in vista dei nuovi stress test bancari. Fino a luglio, comunque, la Bce garantisce ancora le aste con i prestiti illimitati di liquidità lo ai governi di Eurolandia ad attuare il consolidamento dei conti e le riforme. E a mettersi d'accordo in fretta sul pacchetto complessivo per la stabilizzazione dell'euro, prima che il costo del denaro salga e metta in difficoltà soprattutto i Paesi periferici come il Portogallo, che entro giugno deve attingere 9 miliardi dai mercati. Ma anche le banche devono destinare i profitti alla ricapitalizzazione, in vista dei nuovi stress test bancari. Fino a luglio, comunque, la Bce garantisce ancora le aste con i prestiti illimitati di liquidità per stabilizzare i mercati. E'stato giudicato significativo, inoltre, il fatto che il «falco» uscente della Bundesbank, Axel Weber, non abbia partecipato alla riunione. «Axel Weber va via e i tassi salgono» , ha ribattuto «Die Zeit» a chi in Germania è convinto che «senza i tedeschi vada perso in Europa il senso per la stabilità dei prezzi» . Da qui le polemiche sul passaporto italiano del Governatore Mario Draghi. Marika de Feo © RIPRODUZIONE RISERVATA per stabilizzare i mercati. E'stato giudicato significativo, inoltre, il fatto che il «falco» uscente della Bundesbank, Axel Weber, non abbia partecipato alla riunione. «Axel Weber va via e i tassi salgono» , ha ribattuto «Die Zeit» a chi in Germania è convinto che «senza i tedeschi vada perso in Europa il senso per la stabilità dei prezzi» . Da qui le polemiche sul passaporto italiano del Governatore Mario Draghi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Saranno anche «perdite solo sulla carta», come si è affrettato a sottolineare il vi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Esistono 109.853 domande di cassa integrazione Covid giacenti: non sono state ancora a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Una possibile svolta sul caso Autostrade potrebbe essere maturata al Consiglio dei minist...

Oggi sulla stampa