Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce smussa i toni sui cattivi crediti

La vigilanza bancaria pubblica la versione meno severa possibile dell’addendum sul trattamento contabile delle sofferenze su crediti. Ma il parlamento europeo, nel rivendicare potestà normativa e meriti sul dossier, comincia ad aspettare al varco la Bce perché in qualche mese si allinei alla proposta di legge che mercoledì Bruxelles ha confezionato in materia; pena il ricorso alla Corte di giustizia Ue.
Intanto le banche oggetto della nuova stretta sugli accantonamenti a fronte di crediti in mora festeggiano lo “ scampato pericolo” con contenuti rialzi ( meglio a Piazza Affari, dove Unicredit è salita del 2,3%, Banco Bpm dell’ 1,6%, Ubi dell’1,65%, tutte sopra gli indici).
Il meccanismo unico di vigilanza (Ssm), contrariamente a quanto annunciato lo scorso novembre, ha previsto un approccio caso per caso per indurre gli istituti, a partire dai controlli annuali detti “Srep” del 2021, a svalutare in due anni le sofferenze originatesi dal 1° aprile e prive di garanzie a fronte, e in sette quelle collateralizzate. La pratica è « non vincolante, ma specifica le nostre aspettative, e dunque servirà da punto di partenza per il nostro dialogo con ogni banca » , ha detto Sabine Lautenschläger, membro dell’esecutivo Bce ospite in Toscana alla Florence School of Banking and Finance. La banchiera tedesca ha dato atto che « negli ultimi 3- 4 anni il sistema bancario italiano è molto migliorato, la quota di Npl è diminuita in modo considerevole, la redditività è aumentata». Sul mercato è stata apprezzata la concessione di un periodo di grazia di due anni, per cui solo dal 2021 le vigilate che non si adeguano se la vedranno con l’Eurotower. « Sia la Commissione che la Bce hanno rilasciato documenti finali più favorevoli delle attese – dice Carlo Tommaselli di Credit Suisse -. Soprattutto la Bce ha smussato i toni pur rimanendo su alcune posizioni più dure ». Per gli analisti svizzeri, comunque, le nuove misure avranno un impatto medio di 58 punti base sul patrimonio Cet 1 dei maggiori istituti italiani; impatto circa doppio rispetto a quanto stima il campione medio degli analisti. Anche Abn Amro ha scritto di «approccio Bce molto più soft rispetto ai propositi di novembre», ma ha aggiunto che «le nuove misure non risolvono i problemi delle sofferenze esistenti: le banche in Grecia, Italia e Portogallo dovranno sacrificare molti anni di utili futuri per indirizzare il fardello di Npl».
La pattuglia dei parlamentari italiani a Strasburgo, che s’era opposta duramente all’idea di Danièle Nouy ( Ssm), ha brindato: « Il parlamento valuterà la coerenza del contenuto dell’addendum Bce con il rispetto dei poteri del legislatore » , ha detto il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani, parlando di « vittoria della politica sulla burocrazia » . « Le correzioni dimostrano che i rilievi critici del parlamento erano fondatifa eco Roberto Gualtieri, a capo della commissione affari economici e monetari -. Sarebbe stato auspicabile un maggior allineamento con l’impostazione della Commissione. È evidente che una volta che i nuovi criteri prudenziali di primo pilastro saranno divenuti operativi, la vigilanza dovrà allineare pienamente le proprie aspettative alla normativa, evitando asimmetrie che genererebbero confusione e ingiustificabili sotto il profilo prudenziale e legale » . E per indurre a consigli ancor più miti l’addendum diffuso ieri dalla Bce, sembra che Strasburgo proverà a convertire rapidamente in legge la proposta sui crediti: entro fine 2018.

Alberto D’Argenio

Andrea Greco

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa