Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce: ripresa, prospettive incerte. Ma Moody’s promuove le banche

Nonostante le attese di un miglioramento della situazione economica complessiva nel corso del 2021, «l’incertezza continua a caratterizzare le prospettive a breve termine» e rimane «essenziale preservare condizioni di finanziamento favorevoli», scrive la Banca centrale europea. Che però si aspetta «un solido recupero dell’attività economica nel corso del 2021», grazie alle campagne di vaccinazione in atto e al graduale allentamento delle misure restrittive al netto di nuovi sviluppi avversi. Ripresa che sarà accompagnata da «un’accelerazione» del Pepp, il programma di acquisto per l’emergenza pandemica. In Europa Next Generation Eu svolgerà un ruolo chiave, per «una ripresa più rapida, solida e uniforme», osserva la Bce. In particolare se i fondi verranno destinati a una spesa pubblica produttiva, accompagnata da politiche strutturali per alzare la produttività. Il Bollettino si sofferma anche sul cambio di governo in Italia. «I differenziali dei titoli di Stato italiani sono diminuiti notevolmente nel periodo precedente la formazione di un nuovo governo da parte dell’ex presidente della Bce Mario Draghi e hanno brevemente raggiunto un nuovo minimo pluriennale prima di tornare a crescere», si legge. E’ un segnale positivo, come quello che arriva da Moody’s. Le attese di un ritorno alla crescita dell’economia italiana, dopo la forte contrazione causata dalla pandemia, spingono infatti l’agenzia di rating ad alzare l’outlook sulle banche da «negativo» a «stabile». Il settore bancario beneficerà di minori accantonamenti per perdite su crediti rispetto allo scorso anno, anche se il livello resterà alto, valuta Moody’s. E se i crediti problematici sono destinati ad aumentare, soprattutto dopo la scadenza della moratoria sui prestiti, ciò sarà controbilanciato in parte dalle garanzie statali ai prestiti e dalle cessioni di Npl.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa