Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce punta sulla crescita Ue Euro e tassi sui bund in volo

La fiducia nella ripresa globale potrebbe spingere la Banca centrale europea ad anticipare la fine del programma di stimoli all’economia, il cosidetto quantitative easing , (o Qe) prima del previsto e a preparare i mercati con un graduale cambiamento della guidance di politica monetaria già a gennaio. E’ bastato questo segnale, emerso dalle discussioni dopo la pubblicazione della minute della riunione dello scorso 13 e 14 dicembre, a spingere il cambio dell’euro sul dollaro oltre quota 1,20.

Il nuovo clima è evidente nelle parole usate dai governatori: non si parla più di «ripresa» ma «espansione», che «continua in modo robusto». In ottobre il presidente Mario Draghi aveva già delineato un percorso di riduzione degli acquisti di titoli da parte della Bce, tagliati da 60 a 30 miliardi al mese, fino a settembre, quando scade il programma che fiora è costato alla Bce 2,3 trilioni di euro dall’inizio del 2015. Anche se aveva ribadito che i tassi della zona euro, attualmente a zero, resteranno bassi a lungo.

Nel meeting di dicembre la Bce ha migliorato le sue previsioni di crescita per l’eurozona, rivista al 2,4% nel 2017 e al 2,3% quest’anno per poi scendere all’1,7% nel 2020, grazie alla ripresa dei consumi e degli investimenti. E, pur stimando un’inflazione ancora sotto al target del 2% (all’1,5% per il 2017 e all’1,7% per il 2020), Draghi ha sottolineato che il rischio di deflazione sono «scomparsi».

Forse queste prospettive non basteranno per giustificare la fine del Qe prima della sua scadenza naturale, ma probabilmente il programma non continuerà oltre settembre, scommettono ora gli osservatori. Mentre si intensificherà il dibattito, già in corso nelle capitali europee, sulla successione a Draghi nel 2019. Tra i candidati di spicco, oltre al tedesco Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, figurano Vitor Constancio, portoghese, vice presidente Bce, e Luis de Guindos, attuale ministro spagnolo delle Finanze.

Giuliana Ferraino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa