Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Bce accelera i tempi per l’euro digitale: al via la consultazione

L’Europa velocizza il cammino verso la digitalizzazione. I cittadini europei utilizzano sempre più i pagamenti elettronici e sempre meno il contante. E la Bce, sotto la guida di Christine Lagarde che ha alzato le antenne della banca centrale per captare meglio comportamenti e necessità del grande pubblico composto da famiglie e imprese, ha deciso di prepararsi all’emissione dell’euro digitale, se e quando sarà «necessario» e complementare, non sostitutivo, a banconote e monete. Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea, che fino a due anni fa passava per scettico nei riguardi della valuta digitale, ha di recente mosso qualche passo importante nella direzione della “Central Bank Digital Currency” o CBDC.

Il 12 ottobre la Bce ha avviato un’ampia consultazione con tutte le parti coinvolte e ha pubblicato un primo corposo rapporto sui pro e contro di questa importante possibile innovazione. Sempre a inizio ottobre, la Task Force istituita lo scorso gennaio dal Consiglio direttivo per studiare i pro e i contro di questa innovazione – guidata dal membro del comitato esecutivo Fabio Panetta – ha pubblicato un corposo rapporto di 55 pagine che valuta in dettaglio le implicazioni di natura economica, strategica, tecnologica e sociale dell’ emissione della valuta digitale della banca centrale.

L’obiettivo dell’euro digitale, come affermato da Christine Lagarde e Panetta, è quello di «preservare il bene pubblico che l’euro costituisce per i cittadini», un libero accesso a un mezzo di pagamento «semplice, veloce, universalmente accettato, privo di rischi e sicuro». In un blog Panetta ha sottolineato un altro vantaggio dell’euro digitale: «sosterrebbe la spinta dell’Europa verso la continua innovazione, contribuendo alla sua sovranità finanziaria e al rafforzamento del ruolo internazionale dell’euro». L’euro digitale dovrà però essere “neutrale” nei confronti della politica monetaria, né migliorandola, né danneggiandola.

Dal lato della domanda, la richiesta per i pagamenti elettronici e le valute digitali è in netto aumento. Tuttavia dal lato dell’eventuale offerta da parte delle banche centrali, la questione è complessa perché le conseguenze e le implicazioni di un euro digitale, che sarebbe senza rischio di controparte, non sono chiare: l’impatto potenziale sulle banche, che sono coinvolte in prima linea nel sistema dei pagamenti, senza i dovuti accorgimenti potrebbe essere negativo. E questo andrà evitato perchè il sistema bancario è già messo alle corde da tassi negativi, digitalizzazione, recessione pandemica.

L’80% delle banche centrali nel mondo sta studiando l’emissione di valute digitali e la Bce deve tenersi al passo: l’intero percorso della creazione di una valuta digitale della banca centrale, con front end e back end, potrebbe durare da un minimo di 18 mesi a due, tre anni. Il Consiglio direttivo finora non ha preso alcuna decisione in merito all’euro digitale e non c’è da attendersi che la prenderà a stretto giro: i prossimi sei mesi saranno dedicati alla raccolta di informazioni, opinioni e allo studio delle implicazioni.

La consultazione appena avviata dalla Bce durerà tre mesi e coinvolgerà l’industria bancaria, le imprese, il mondo accademico e i cittadini in base a una tabella di marcia che non verrà resa pubblica. Quel che invece è stato pubblicato, per essere utilizzato dai cittadini ma anche dalle controparti istituzionali come associazioni e organizzazioni di categoria e sindacati, è un questionario di quattro pagine: le domande sono rivolte ai potenziali utilizzatori privati e a chi ha una prospettiva da professionista nel campo della tecnologia, della finanza e dei pagamenti.

Quel che è certo è che la moneta unica digitale non è ancora nata ma ha già un percorso obbligato: si affiancherà ai contanti, diventando un mezzo di pagamento giornaliero «rapido, semplice e sicuro» ma complementare a banconote e monete. I contanti esisteranno sempre, assicura la Bce.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa