Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L´Italia spaventa le Borse flop dell´asta Btp, spread oltre 350

Crisi & mercati. C´è un filo rosso che unisce l´andamento di Borsa e spread con il tentativo di Bersani e i tanti «no» del M5s. Al dunque, lo stallo politico finisce per spaventare gli operatori e, se confermato, prelude anche a una possibile bocciatura del Paese da parte delle agenzie di rating, Moody´s in testa. In cifre: la Borsa di Milano lascia sul campo lo 0,92%, lo spread ritorna a quota 350, le aste dei Btp sono deludenti, l´euro scivola sotto 1,28 dollari, il minimo da quattro mesi. Ovunque in Europa i listini chiudono in rosso, indeboliti anche dalla crisi di Cipro, che reinnesca il rischio-contagio : ora Nicosia s´appresta pure a imporre un limite di 3 mila euro ai contanti che si potranno portare fuori dall´isola.
Così, via via che Bersani procede con le consultazioni, sale la preoccupazione dei mercati, cresce il nervosimo. Sui listini, così come sulle aste del Tesoro, pesa l´incertezza per il governo che non c´è e non si sa se ci sarà. Lo spread, che è una sorta di termometro della fiducia, è di nuovo ai massimi da un mese. O meglio, è di nuovo sui valori raggiunti all´indomani del voto, quando imperava la paura dell´ingovernabilità. Nelle ultime 24 ore è salito di ben 28 punti, con il rendimento al 4,77%.
Gli analisti di Moody´s spiegano senza giri di parole quanto importante sia per loro questo legame con la situazione politica e dunque quanto sia cruciale l´esito delle consultazioni. «Guardiamo agli sforzi di Bersani per formare il governo» per poi dare la pagella al Paese, dichiara a Reuters Dietmar Hornung. Poi, dunque, e non prima di conoscere le conclusioni del leader Pd, come pure s´aspettavano i mercati, spaventati l´altro giorno da una ridda di indiscrezioni su una possibile bocciatura. Hornung precisa infatti che il risultato delle mosse di Bersani avrà effetti «nel breve termine» sul profilo di credito italiano. Tradotto significa che , se perdurasse questa fase di impasse, la scure di Moody´s potrebbe calare sul serio sull´Italia. Fitch, d´altra parte s´è già mossa mentre da S&P arriva per ora solo un no comment.
Ecco, è in questo contesto, che Piazza Affari archivia un´altra giornata pesante, depressa dalla situazione politica e, appunto, dagli avvertimenti di Moody´s. Ed è nello stesso scenario che il Tesoro deve muoversi per collocare i suoi Btp. Anche in questo caso, i dubbi sul governo influenzano l´andamento delle aste dei titoli a cinque a dieci anni. Tecnicamente si tratta di 3,9 miliardi nel primo caso, con tassi in rialzo al 3,65% da 3,59 e di 3 miliardi con rendimenti un calo nel secondo (4,66 da 4,83). Ma è sulla debole richiesta di questi Buoni e su un collocamento inferiore al programmato che si concentrano i commenti degli analisti delle banche d´affari. E tutti legano questa debolezza alle incognite post-elettorali. In Europa, da Londra a Francoforte, da Parigi a Madrid, ovunque c´è il segno meno. Atene è maglia nera con -3,99%. A Cipro oggi dovrebbero finalmente riaprire le banche.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa