Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Juncker andrà al G20 sull’evasione fiscale Imbarazzo dell’Europa

La riunione dei leader del G20 di domani e domenica, a Brisbane in Australia, ha in agenda anche la lotta alla grande evasione ed elusione delle tasse. Si annuncia così imbarazzante la confermata partecipazione del presidente della Commissione europea, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, a causa del suo coinvolgimento nello scandalo LuxLeaks sui favoritismi fiscali a centinaia di multinazionali e società straniere quando era premier del Granducato. 
Ma, nel silenzio dei capi di governo europei, è arrivato un primo prudente appoggio del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble, che ha sminuito le responsabilità di Juncker, in passato sostenuto dalla cancelliera Angela Merkel nella nomina alla Commissione per conto del loro europartito Ppe. «La pratica è irritante — ha dichiarato Schäuble in relazione alle rivelazioni di LuxLeaks —. Ma da lì a rivolgere accuse personali… Non c’è stata alcuna infrazione delle regole. Le stesse cose sono fatte in altri Paesi». Il governo di Berlino, preso atto della sensibilità dell’elettorato tedesco sull’evasione fiscale, punta a far procedere al G20 e a Bruxelles le riforme necessarie a eliminare l’elusione delle tasse delle multinazionali.
Continua però il bombardamento dei media contro Juncker. Il quotidiano Wall Street Journal ha accusato l’ex premier del Lussemburgo di essere stato «l’uomo di punta nella vendita del sistema fiscale del suo Paese nel mondo», citando alcune delle tante dichiarazioni in circolazione a Bruxelles in cui in passato aveva rivendicato di aver attirato multinazionali con i favoritismi fiscali. Il quotidiano Washington Post ha segnalato che «una lunga serie di critici ritiene Juncker l’uomo sbagliato» per guidare la Commissione.
Nel tam tam di indiscrezioni in Europa si è accesa l’attenzione anche sulla poco nota Fondazione Schuman del Ppe, che opera tra Bruxelles e Strasburgo, ma è stata sorprendentemente domiciliata in Lussemburgo. Attiva anche nei finanziamenti e nelle donazioni per l’attività politica, questa entità degli europopolari è stata a lungo guidata dal lussemburghese Jacques Santer, che nel 1999 dovette dimettersi da presidente della Commissione europea con tutti i commissari per uno scandalo di frodi, cattiva amministrazione e nepotismo. Vari leader e portavoce del Ppe, contattati dal Corriere , si sono detti non al corrente del perché questa entità sia stata registrata in un paradiso fiscale con rigido segreto bancario. L’eurodeputato Giovanni La Via di Ncd è entrato nel consiglio della Fondazione Schuman «solo da un anno» e conferma che le attività politiche e culturali vengono sviluppate grazie anche ai «finanziamenti previsti dall’Europarlamento».
Juncker continua a negare qualsiasi responsabilità e, in linea con la Germania, promette «prima possibile» una proposta di direttiva sullo scambio automatico di informazioni tra i Paesi sui favoritismi fiscali concessi alle imprese straniere dai vari Lussemburgo, Irlanda, Olanda o Regno Unito. La Commissione europea ha annunciato di voler anticipare addirittura l’azione del G20 contro la grande evasione delle tasse su scala internazionale e di voler mettere davanti alle loro responsabilità i governi da sempre impegnati a frenare l’armonizzazione fiscale nell’Ue. Il commissario per gli Affari economici e la Fiscalità, il francese Pierre Moscovici, ha considerato possibile procedere su questa materia, che da sempre a Bruxelles viene annacquata e rinviata in continuazione, perché ora «c’è la pressione dell’opinione pubblica che non sopporta più l’evasione e la frode fiscale».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa