Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Jp Morgan travolta dalla crisi pronta a tagliare 19 mila posti

NEW YORK — «La JPMorgan Chase è una corazzata», ha esclamato Jamie Dimon, presidente e chief executive della più grande banca americana, riferendosi alla forte liquidità e al capitale di cui dispone. Perché toni così baldanzosi (e così atipici per Dimon)? Semplice: dovevano servire ad attutire il contraccolpo psicologico e gli effetti a Wall Street della decimazione negli organici. Ieri, infatti, la JP-Morgan ha annunciato che, accanto ai 15mila licenziamenti nel settore dei mutui legati alla minore redditività delle operazioni sul mattone, si prepara a eliminare nel 2013, grazie al blocco del turnover, altri 4mila posti di lavoro, riducendo così di 1 miliardo di dollari i costi del gruppo.
La banca newyorkese ha cercato di smentire ogni collegamento tra i tagli e la cosiddetta «Balena di Londra», cioè lo scandalo legato a speculazioni azzardate condotte dal trader Bruno Iksil, che ha portato a una perdita complessiva di 9 miliardi di dollari, oltre che a una umiliazione per tutto il management. «Quei buchi sono stati facilmente coperti», assicurano i collaboratori di Dimon. La riduzione annunciata ieri — dicono — va invece vista nell’ottica delle ristrutturazioni in atto nel settore bancario».
Travolte nel 2007 dalla bolla dei mutui subprime, le banche americane hanno attraversato anni difficili. Molte hanno chiuso i battenti o sono state vendute a gruppi più forti. Senza l’aiuto della Federal Reserve di Ben Bernanke, molte altre sarebbero
saltate. Ma adesso la situazione è più incoraggiante, come ha riferito ieri la Fdic (Federal deposit insurance corporation), l’agenzia federale che assicura i conti correnti. Nell’ultimo trimestre del 2012, grazie ai prestiti e al trading, gli utili netti degli istituti bancari americani sono saliti a 34,7 miliardi di dollari, con un aumento del 37 per cento rispetto allo stesso periodo del 2011.
«Non solo il reddito delle banche è aumentato negli ultimi tre anni», ha commentato Martin Grienberg, presidente del Fdic, «ma negli ultimi due è migliorata anche la qualità dei loro asset e negli ultimi dodici mesi gli istituti hanno incrementato i prestiti e sostenuto così la ripresa dell’economia americana».
Uscita dalla crisi più solida rispetto ad altre concorrenti, la JP-Morgan ha aumentato nel 2012 il volume dei prestiti del 10 per
cento e conta ora 259mila dipendenti in tutto il mondo. Con una mossa controcorrente, ha anche continuato ad aggiungere nuove filiali al suo network, che ormai ne conta 5614 e crescerà di altri cento nell’anno in corso. Ma per aumentare la redditività Dimon punta adesso a diminuire il numero di addetti agli sportelli, privilegiando invece attività più proficue come la gestione di portafoglio. Di qui i tagli annunciati
ieri, che porteranno a una riduzione di circa il 20 per cento del personale in ogni filiale e del 7,3 per cento del totale dei dipendenti.
La JPMorgan non è la sola a diminuire la forza lavoro nel tentativo di ridurre i costi. Citigroup ha già annunciato 11mila tagli e persino la Goldman Sachs di Lloys Blankfein si prepara a un nuovo round di licenziamenti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa