Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Italicum, via dall’1 luglio 2016

Dai 100 capilista bloccati al ballottaggio qualora nessun partito ottenga il 40% dei voti. Questi i punti cardine contenuti nell’Italicum, la riforma del sistema elettorale per la camera dei deputati, approvata ieri da Montecitorio in via definitiva e con scrutinio segreto chiesto da Fi e Lega.

I sì alla pdl recante «Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati», che diventa dunque legge, sono stati 334, i no 61. Le opposizioni non hanno partecipato al voto. La legge è frutto dell’accordo tra Pd e Forza Italia, successivamente disconosciuto dal partito di Berlusconi dopo la rottura del patto del Nazareno a seguito dell’elezione del nuovo capo dello stato. La nuova legge (si veda tabella in pagina) fissa al 3% la soglia di sbarramento in ingresso per avere seggi nella futura nuova Camera dei deputati. Entreranno in Parlamento, quindi, solo i partiti che supereranno lo sbarramento del 3%. Viene poi introdotto il premio di maggioranza del 40% alla lista e non più alla coalizione.

Se nessun partito o lista arriva al 40%, si va al ballottaggio, ma sono vietati gli apparentamenti fra liste. Nell’Italicum, che sarà operativo dal 1° luglio del prossimo anno, sono i partiti a scegliere i capilista (in tutto 100) e ciascun partito può presentare non più di 6-7 candidati per collegio. Si introducono le preferenze, con l’alternanza di genere, fino a un massimo di due, per gli altri candidati. È consentita la candidatura multipla per i capilista, ma fino a un massimo di dieci, il tutto nell’ambito di un territorio che la legge divide in 20 circoscrizioni a loro volta suddivise in 100 collegi.

Tra le altre novità, quella che consente il voto per corrispondenza per i cittadini italiani che, per lavoro, studio o cure mediche, si trovino, per un periodo di almeno tre mesi, in un Paese estero in cui non sono residenti, quando cadono le elezioni politiche in Italia.

E l’introduzione della cosiddetta norma anti flipper, che punta a diminuire la casualità nell’attribuzione dei seggi, dopo il calcolo a livello nazionale, con il meccanismo dei quozienti e dei resti, in modo da non penalizzare i partiti più piccoli.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai due estremi ci sono Generali e Unicredit: promossa a pieni voti la prima (almeno dagli investitor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pace con Vivendi in Piazza Affari vale 35 milioni di capitalizzazione. Dopo una fiammata in avvio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

er la prima volta da molti anni un rialzo dei tassi d’interesse si affaccia negli scenari della po...

Oggi sulla stampa