Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Italia e Uk si scambiano i crediti

di Sara Seligassi  

La formazione continua si fa internazionale. Per gli avvocati italiani che frequentano le corti inglesi, infatti, sarà possibile farsi riconoscere i crediti formativi maturati all'estero. Un'ottima opportunità per quei professionisti che lavorano nelle law firm in Italia e che, per ragioni di lavoro fanno spesso la spola con l'Inghilterra.

Lo ha annunciato, mercoledì scorso, il Consiglio nazionale forense che, con una nota, ha spiegato che i legali iscritti in ordini italiani potranno adempiere al loro obbligo formativo seguendo corsi accreditati dalla Solicitors regulation authority (Sra) nella misura del 75%, «in cui un'ora di formazione continua riconosciuta dalla Sra corrisponde a un credito formativo italiano».

In altre parole, ha spiegato la nota del Cnf, «considerando che gli avvocati italiani devono maturare 75 crediti in tre anni, i crediti che possono maturare seguendo corsi Sra sono 56,25.

I restanti 25% deve essere ottenuto seguendo i corsi accreditati dal Cnf o dai Consigli dell'Ordine e deve comprendere tutti i crediti richiesti in materia di ordinamento forense, previdenza e deontologia (15)».

D'altronde, per i colleghi di Oltremanica è già prevista la possibilità di soddisfare fino al 75% i requisiti di formazione continua secondo le regole inglesi con i corsi italiani.

Il Consiglio nazionale forense, presieduto da Guido Alpa, ha firmato un Memorandum d'intesa con la Law society di Inghilterra e Galles sul reciproco riconoscimento della formazione professionale continua.

«L'accordo è una prima assoluta per la Law society, mentre per il Cnf si aggiunge a quello già stipulato con la Francia», si legge nella nota del Cnf. «Scopo del Memorandum è quello di promuovere e facilitare la libera circolazione degli avvocati tra Inghilterra e Galles ed Italia e consentire loro una maggiore flessibilità.

Il Memorandum dà atto del regime attuale vigente in Inghilterra per i solicitors e in Italia per gli avvocati.

Il sistema inglese gode già di una certa flessibilità visto che il 75% della formazione professionale continua inglese può essere costituita da corsi non accreditati dalla Sra (la Solicitors regulation authority) e può ben comprendere corsi della formazione continua italiana.

Il sistema italiano prescrive invece che il 100% della formazione continua debba essere composta da corsi accredita dal Cnf o dai Consigli dell'Ordine.

Ora gli avvocati italiani potranno avvalersi del nuovo regime previsto dal Memorandum in sostituzione di quello nazionale».

Il memorandum Cnf-Law Society, ricorda la nota, è entrato in vigore lo scorso mese di gennaio e tutti gli avvocati e solicitor avranno diritto di scegliere di soddisfare i requisiti di Formazione continua con il nuovo regime.

«Il Memorandum consente agli avvocati italiani di profittare dei contatti e delle iniziative sviluppati con la Law Society per espandere le loro conoscenze, migliorare le loro competenze e partecipare al processo di europeizzazione della professione forense», ha commentato Guido Alpa, presidente del Cnf.

«Il Cnf da anni promuove questo processo e i corsi svolti a Londra con l'apporto degli avvocati inglesi, gli incontri di studio e di scambio di esperienze professionali si rivelano forieri di grandi opportunità per tutti coloro che li frequentano con diligenza»,

Il presidente della Law Society Linda Lee ha commentato così l'iniziativa: «Abbiamo lavorato a questa iniziativa l'anno scorso, durante la nostra ultima visita in Italia, ed è incoraggiante vedere che l'iniziativa si è potuta realizzare.

Essa rafforza ancora di più il già stretto legame esistente tra i solicitors di Inghilterra e del Galles ed i loro colleghi italiani.

Lavorare a stretto contatto con i nostri colleghi europei è, infatti, utile per tutta l'avvocatura del nostro continente e realizza una eccellente intesa tra le professioni legali. Siamo desiderosi di costruire e sviluppare contatti e relazioni nonché una sempre maggiore cooperazione con il mondo legale italiano in occasione del nostro prossimo incontro in giugno».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il consiglio di Atlantia (e quello di Aspi) hanno risposto al governo. Confermando di aver fatto tut...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Serviranno ancora un paio di mesi per alzare il velo sul piano industriale «di gruppo» che Mediocr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il piano strategico al 2023 rimane quello definito con Bce e sindacati. Ma una revisione dei target ...

Oggi sulla stampa