Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Italia a rischio, ma per ora niente sanzioni

Bruxelles L’Italia e la Francia, insieme con altri Paesi, hanno violato il patto di Crescita e Stabilità dell’Unione Europea, ma Bruxelles non le punirà. Per ora. 
Lo ha detto («Ho fatto la scelta di non sanzionare») il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un’intervista al quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung che verrà pubblicata questa mattina. Cioè a poche ore dal verdetto che la stessa Commissione pronuncerà sui piani di Stabilità dei Paesi dell’eurozona.
Italia, Francia e Belgio verranno avvertite che i loro bilanci per il 2015 rischiano di infrangere le regole Ue (in realtà è già successo con il deficit per la Francia, e per l’Italia con il debito pubblico e il pareggio di bilancio rinviato). A marzo ci sarà una nuova valutazione: se i bilanci non saranno stati messi in regola, potranno scattare ammende e procedure di infrazione. Altri 4 Paesi — Spagna, Portogallo, Austria e Malta — saranno citati come aree di rischio, ma per ora senza timori di provvedimenti punitivi.
«Più volte nel passato — ricorda sarcasticamente il Financial Times — Italia e Francia hanno promesso riforme poi mai compiute. Forse Juncker pensa che le cose siano diverse ora? E se sì, perché?». Qualche perché, a spizzichi, comincia a filtrare dalla stessa Commissione: primo, la situazione generale è troppo grave per rischiare il naufragio di due vascelli importanti come la Francia e l’Italia, imponendo loro nuovi pesi e vele più ristrette; secondo, la Germania avrebbe segretamente promesso alla Francia di sostenerla nel confronto con Bruxelles, ottenendo in cambio l’impegno a completare riforme strutturali molto severe; terzo, Juncker sa bene che l’Italia ha contribuito in modo decisivo alla sua nomina, forse non vuole rischiare di inimicarsela e di perdere ogni suo futuro appoggio.
Nel pronunciare i suoi verdetti, questa mattina alle 11, la Commissione confermerà indirettamente quanto ormai si sa bene da qualche anno, ma è politicamente difficile da dire: la grande crisi riguarda sì l’Europa intera, ma soprattutto il suo cuore più ricco e un tempo più sano, la zona euro.
È là che sembra annidato il virus. Mentre dove l’euro non c’è, nelle statistiche della crescita regna il segno «più»: nel 2014 Polonia +3%, Gran Bretagna +3,1%, Svezia +2%, e così via. Mentre nell’eurozona, di cui si parlerà oggi, le cose vanno nella direzione inversa: Italia –0,4%, Francia -0,3%, Cipro -2,8% e via dicendo, con l’unica, trionfale eccezione dell’Irlanda (+4,6%) e del solito Lussemburgo (+3%), colpito però dai sospetti di sempre, legati alle norme fiscali.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

In anticipo su alcuni aspetti, ad esempio lo smaltimento dei crediti in difficoltà; in ritardo su a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le materie prime – soprattutto l’oro e il petrolio – sono tornate a regalare soddisfazioni all...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Apprezzamento unanime» per i dati di bilancio e conferma del sostegno all'amministratore delegato...

Oggi sulla stampa