Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Istituti in rosso per 22 miliardi ma i banchieri dimenticano la regola Olivetti

Tempi duri per le banche italiche. Ma evidentemente non per i banchieri. Asticelle sempre più alte nelle ricapitalizzazioni; draconiani esami europei all’orizzonte; rottamazioni forzate di migliaia di sportelli, con dolorosi esuberi; ripetuti giri di vite fiscali da parte del governo che, tra balzelli vari, ha provveduto anche a raddoppiare il prelievo sulla rivalutazione delle quote in Bankitalia. Certo, non se la passa meglio chi entra in un’agenzia bancaria per chiedere mutui o finanziamenti: per comprare casa, per sviluppare l’azienda, magari per curarsi. Tra prudenza degli istituti di credito e spread sui tassi d’interesse, ottenere un prestito somiglia sempre di più ad una chimera. Come non finisce mai di ricordare la stessa Banca d’Italia: «Dai sondaggi più recenti presso le imprese — recita l’ultimo Bollettino economico di palazzo Koch — arrivano segnali di attenuazione del credit crunch. Ma i prestiti continuano comunque a scendere e il costo del credito nel nostro Paese resta di circa 80 punti base superiore a quello medio nell’area dell’euro». E ieri anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha provato a esorcizzare lo spettro del credit crunch: «La tassazione sulla rivalutazione delle quote in Bankitalia lascia alle banche in sede patrimoniale un po’ meno di quanto previsto, ma è sempre una rivalutazione importante e sono convinto che le banche faranno il proprio lavoro, che è dare credito all’economia. D’altro canto è nel loro interesse, perché così fanno profitti e se l’economia riprende anche le banche ne beneficiano». Strada impervia, dunque, per le banche e per i loro clienti. Ma decisamente più agevole, appunto, per i banchieri. Almeno a giudicare da alcuni dati diffusi dal sindacato Uilca: nel 2013 le undici principali banche italiane hanno perso complessivamente 21,87 miliardi di euro, mentre gli stipendi dei rispettivi amministratori delegati nello stesso arco di tempo sono cresciuti del 16,8% a 19,2 milioni. La retribuzione media dei banchieri è oggi pari a 62 volte quella dei dipendenti, insomma dei bancari, un gap cresciuto rispetto alle 53 volte del 2012 e alle 42 del 2000. Con buona pace della “regola Olivetti”.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa