Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Irap, le imposte anticipate trasformate in crediti Ires

Ai fini Irap attività per imposte anticipate trasformate in crediti Ires ad ampio raggio: anche per le variazioni in aumento effettuate su determinate componenti quali le svalutazioni dell’avviamento prima del 2013 si apre la possibilità introdotta dalla legge finanziaria per il 2014. Questo anche nel caso in cui il valore della produzione sia stato negativo. È l’indirizzo espresso dall’Agenzia delle entrate con la circolare n. 17 di ieri, con la quale l’amministrazione finanziaria ha formulato le proprie considerazioni in merito alle novità introdotte dalla legge 147/2013 che ha disciplinato la possibilità–obbligo di trasformare in crediti di imposta le attività per imposte anticipate iscritte in bilancio ai fini Irap. Va ricordato che tale possibilità riguarda i soggetti Ires e costituisce un obbligo per le banche e gli intermediari vigilati da Bankitalia mentre costituisce una possibilità per gli altri soggetti. Sono quattro le ipotesi che consentono la predetta trasformazione e, cioè, il caso della perdita civilistica, quello della perdita fiscale, nel caso di valore della produzione netta negativo o nel caso di liquidazione volontaria o assoggettamento a procedure concorsuali o di gestione della crisi. La legge 147/2013 ha esplicitato un concetto che sembrava ricorrere anche prima della modifica normativa alla disposizione originaria (dl 225 del 2010) e cioè la applicabilità del regime in questione anche con riferimento alle imposte anticipate rilevate ai fini Irap. La legge di Stabilità non prevedeva una disciplina transitoria ma, esclusivamente, l’applicabilità della novità normativa dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2013, cosicché si era posto il dubbio della rilevanza dell’eventuale trasformazione già avvenuta ovvero dei comportamenti che si intendevano seguire in relazione alle situazioni che si erano verificate ante 2013. Sul punto, dunque, interviene il documento di prassi dell’Agenzia delle entrate, nel quale si afferma che con riferimento all’ammortamento, ovvero alla svalutazione dell’avviamento e delle altre attività immateriali, la conversione delle attività per imposte anticipate in credito di imposta rileva anche in connessione a variazioni in aumento effettuate in periodi di imposta antecedenti il 2013 trattandosi di componenti rilevanti agli effetti dell’Irap anche prima dell’entrata in vigore delle novità. In altri termini, dunque, attraverso tale possibilità, si fissa una particolare modulazione del principio di correlazione con riferimento alle attività iscritte nel bilancio 2013 ma riferite a componenti negativi contabilizzati in esercizi anteriori. Stessa conclusione si ha nel caso in cui il valore della produzione netta sia negativo. Nell’ambito della circolare vengono altresì fornite delle esemplificazioni che riguardano le modalità con le quali devono essere annullate le variazioni in diminuzione potenzialmente future tenendo conto, di fatto, del rapporto percentuale esistente delle attività per imposte anticipate partitamente stanziate ai fini Ires e ai fini Irap. Una volta effettuata la trasformazione in credito di imposta, la circolare dell’amministrazione finanziaria ricorda le modalità ed i limiti di utilizzo del predetto credito che, in generale, può essere utilizzato senza limiti di importo in compensazione secondo le disposizioni di cui all’arti. 17 del dlgs 241/1997 potendo il contribuente chiedere il rimborso del credito che residua dopo le predette compensazioni. In ogni caso, il credito in questione può essere ceduto con le modalità previste dall’art. 43-ter del dpr 602/1973 fermo restando che, in capo al cessionario, opera il limite di 700 mila euro previsto in via generale per la compensazione dei crediti di imposta. Una parte della circolare è dedicata ad illustrare l’utilizzo del credito di imposta nell’ambito della procedura di consolidamento che, in ogni caso, deve tenere conto dell’Ires dovuta dal consolidato fermo restando il fatto dell’assenza di limite previsto in capo alla singola società consolidata.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa