Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Irap, agevolazioni a pioggia

Sconti sull’Irap per attrarre nuovi investimenti. Si rinnovano anche nel 2013 gli interventi di legislazione secondaria varati da regioni e province autonome con l’obiettivo di concedere vantaggi tributari ai soggetti meritevoli dal punto di vista sociale e/o alle nuove iniziative produttive. L’ultima, in ordine cronologico, è stata nei giorni scorsi la provincia di Bolzano. La giunta ha infatti deliberato l’azzeramento dell’Irap per i primi cinque anni di attività per le aziende che scelgono la provincia come sede di insediamento e sviluppo del proprio business. Incentivi anche in Valle d’Aosta: l’aliquota generale da applicare è quella ordinaria del 3,9%, ma per gran parte degli operatori economici (incluse banche e assicurazioni) si applica una riduzione dello 0,92%. Non solo: la legge regionale n. 30/2011 ha istituito due nuove agevolazioni, sempre sotto la forma di una riduzione d’imposta al 2,98% (per il 2013). La prima è dedicata ai soggetti che effettueranno assunzioni di lavoratori a tempo indeterminato (fruibile per tre anni). La seconda interessa le nuove imprese che inizieranno a operare sul territorio regionale dal 1° gennaio 2013 e prevede una riduzione dell’aliquota da applicare per i primi quattro anni di imposta, nella misura dello 0,92% per il primo periodo di imposta e dello 0,46% per i successivi tre.

Punta sulla qualità, invece, la Toscana. La legge regionale n. 65/2010 ha sancito, per gli esercizi 2011, 2012 e 2013, sconti Irap per le società che abbiano ottenuto la registrazione Emas (Irap al 3,21%), la certificazione Iso14001 (3,53%) o quella SA8000 (3,44%).

Il Piemonte ha scelto la strada di riconoscere deduzioni più ampie per favorire l’occupazione. La legge regionale n. 5/2012 ha, infatti, ampliato la portata della lr n. 19/2010: per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato nel triennio 2011-2013, i soggetti passivi avranno diritto a un abbattimento forfetario ai fini Irap di 15 mila euro dall’anno di assunzione e fino al terzo anno compiuto (fino a un massimo deducibile, quindi, di 45 mila euro). L’agevolazione è raddoppiata, a 30 mila euro annui, se l’assunzione riguarda un lavoratore ultracinquantenne o al di sotto dei 35 anni. Il «bonus», tuttavia, non potrà superare il costo del singolo dipendente.

Pioggia di aiuti fiscali pure nella provincia autonoma di Trento. Tra i vari interventi, la lp n. 18/2011 aveva già disposto la riduzione di 3 punti percentuali di aliquota (cioè allo 0,9%) nei primi cinque anni di vita delle nuove iniziative produttive intraprese sul territorio a partire dal 2012. Istituita pure, a favore dei titolari di redditi di impresa, una deduzione dalla base imponibile del 19,83% del nuovo capitale proprio, mutuando il meccanismo dall’Ace disciplinato dall’articolo 1 del dl n. 201/2011. Deducibili anche le somme erogate ai dipendenti del settore privato in attuazione dei contratti di produttività. La legge provinciale trentina n. 9/2012 ha quindi istituito nuove agevolazioni, cumulabili con gli sconti di aliquota già vigenti: per i soggetti operanti nei servizi di alloggio e ristorazione, nonché nel commercio e nella riparazione di auto e moto, l’ulteriore taglio sarà dello 0,5%; per tutti gli altri, dello 0,2%. Infine, i contribuenti residenti nelle zone colpite da eventi eccezionali sono stati beneficiari di norme ad hoc, in particolare la sospensione di versamenti e adempimenti tributari scadenti nei periodi indicati dalla legge. Nello specifico, si tratta delle vittime del racket e dell’usura, dei terremotati emiliani, veneti e lombardi colpiti dal sisma del maggio 2012, dei residenti a Lampedusa e Linosa, nonché dei cittadini e imprese danneggiati dalle alluvioni del 2011

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa