Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Investimenti Usa, ora l’Italia torna attraente

ROMA Un cambiamento di clima sul destino dell’Italia. L’indicazione arriva da un’analisi elaborata da American Chamber of Commerce in Italy, EY (Ernst Young) e Legance sul rinnovato interesse da parte dei capitali esteri per l’Italia. Secondo il documento dal titolo “Italy is back” , che contiene anche un sondaggio, il contesto economico italiano sta gradualmente cambiando agli occhi degli investitori esteri anche grazie alle riforme varate dal governo. Tanto che il 52% del campione interrogato ritiene che le misure approvate nell’ultimo bienno «abbiano abbastanza contribuito al miglioramento dell’Investment climate». Per l’11% degli intervistati l’azione riformatrice ha avuto un «grande effetto» sulla capacità attrattiva dell’Italia, mentre il 33% valuta poco efficace il piano delle riforme. Tra gli investitori esteri che osservano il mercato italiano con rinnovato interesse a fare breccia è stato, soprattutto, il Jobs act, una misura che nel 41% dei casi è considerata la più importante tra gli interventi predisposti dal governo Renzi. A seguire la riforma della Pubblica amministrazione e quella della giustizia con il 26% dei consensi.

Dall’analisi emerge che gli Stati Uniti restano «uno dei capisaldi su cui poggia la strategia economica, politica e commerciale dell’Italia». Le cifre, del resto, indicano che lo stock degli investimenti americani è aumentato nell’ultimo decennio del 15,8%, in particolare nel 2014 gli interventi diretti di capitali americani in Italia hanno raggiunto quota 26,7 miliardi di dollari. Nel medesimo periodo i capitali italiani investiti sul suolo statunitense sono cresciuti del 214%, raggiungendo 21,8 miliardi di dollari. «Il processo di riforma in corso si è dimostrato essere un fattore in grado di aumentare l’attrattività del nostro Paese», spiega Donato Iacovone, amministratore delegato di Ernst Young. Nell’elenco delle priorità su cui concentrare l’azione riformatrice Iacovone segnala: «Un intervento sui costi del lavoro e di produzione anche attraverso un uso innovativo del digitale». Apprezzamenti anche dall’ambasciatore Usa, John R. Phillips: «L’Italia è sul binario giusto».

Andrea Ducci

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa