Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Investimenti green, regolamenti Mifid2 in modifica a giugno

La Commissione europea modificherà entro giugno i regolamenti attuativi della Mifid2 e della direttiva sui prodotti assicurativi (Idd) per garantire che i prodotti finanziari sostenibili «siano presi in considerazione nella valutazione di adeguatezza». È un dei punti chiave della bozza dell’Action Plan sulla finanza sostenibile elaborato dalla Commissione Ue e che, salvo colpi di scena, sarà presentato domani.
Nel punto 4 del documento viene previsto dunque di inserire la sostenibilità all’interno della valutazione di adeguatezza degli strumenti finanziari e assicurativi. E viene stabilito che ciò dovrà avvenire entro la metà del 2018. Il consulente finanziario quindi, si legge nel documento-bozza della Commissione, dovrebbe chiedere al cliente le sue valutazioni e preferenze in tema di sostenibilità finanziaria. Non solo. Nell’Action Plan, la Commissione Ue invita l’Esma, autorità di vigilanza europea, a inserire tali elementi nelle linee guida (sulla valutazione di adeguatezza) che saranno pubblicate entro giugno di quest’anno.
Temi e tempi circoscritti quindi. Le decisioni di Bruxelles arrivano un mese e mezzo dopo la conclusione dei lavori del gruppo di esperti (High-Level Expert Group-Hleg) sulla finanza sostenibile. E il piano d’azione della Commissione Juncker rende operative le raccomandazioni espresse da questi tecnici.
Tempi stretti anche per altri ambiti. Entro giugno, verrà infatti proposto un regolamento sui principi e sulla portata della tassonomia ovvero sulla classificazione delle attività relative al climate change, ambiente e sociale. Era questa una delle principali richieste del gruppo di esperti Hleg per utilizzare standard comuni nei reporting, nelle classificazioni e negli atti legali.
Infine altri due punti importanti. Uno di breve scadenza: la Commissione chiederà una maggiore trasparenza su metodologie e caratteristiche dei benchmark elaborati dai fornitori di indici (index provider) e utilizzati per i prodotti finanziari sostenibili (timing sempre giugno 2018). Più in là nel tempo, metà 2019, un altro gruppo di esperti appositamente costituito dovrà elaborare uno standard europeo per i green bond che sarà discusso attraverso un’ampia consultazione con tutti gli stakeholder.

Vitaliano D’Angerio

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa