Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa Sp e Sella Conti aggregati

Arriva da due istituti di credito, Intesa Sanpaolo e Banca Sella, l’offerta di aggregatori di conti correnti. Ca’ de Sass ha lanciato XME Banks, che permette di collegare i conti e le carte di qualsiasi banca all’interno del sito e dell’app mobile Intesa Sanpaolo. Non sarà più necessario passare da un’applicazione all’altra, o accedere a siti Internet di banche diverse, per visualizzare i saldi e i movimenti dei propri conti correnti o delle carte di credito. I clienti retail e private potranno gestire tutti i propri rapporti bancari, anche quelli con altri istituti, entrando nell’app mobile di Intesa, o nell’home banking, per controllare la disponibilità, monitorare le categorie di spesa e gestire le proprie finanze. XME Banks dà accesso attualmente a 20 banche e punta a collegarne più di 100 entro la fine dell’anno. Nei prossimi mesi si potranno anche effettuare bonifici da qualsiasi banca collegata, oltre a richiedere finanziamenti.

«XME Banks coniuga semplicità, comodità e sicurezza offrendo un’esperienza unica in Italia», ha commentato Massimo Tessitore, responsabile Digital business partner Banca dei territori, private, prodotti e canali digitali retail di Intesa Sanpaolo. «Sarà infatti possibile gestire tutti i conti correnti e le carte di credito delle banche di cui si è clienti. Abbiamo pensato, progettato e realizzato XME Banks per soddisfare la fascia di clientela più esigente, fornendo un servizio evoluto e una user experience davvero innovativa».

Intanto anche Banca Sella è partita con un aggregatore di conti correnti, aprendo l’app e l’internet banking ai conti di altri istituti. Grazie al nuovo servizio di account aggregation, che sarà operativo nei prossimi giorni, i clienti che accedono al proprio conto corrente da app o da internet banking potranno consultare le informazioni relative a tutti i conti di cui sono titolari. A breve, inoltre, sarà possibile fare operazioni, come i bonifici, da tutti i conti aggregati. «L’account aggregator», spiega la banca, «facilita la gestione quotidiana delle spese e dei risparmi, aiutando i clienti ad avere una piena consapevolezza e una visione di insieme delle proprie risorse finanziarie. Il tutto nel rispetto degli standard di sicurezza richiesti dalla direttiva europea Psd2».

Con questo nuovo servizio Banca Sella prosegue la propria trasformazione in open banking. Attualmente sono a disposizione dei clienti 190 Api (Application programming interface) che hanno generato circa 6 milioni di call in dicembre, quadruplicate rispetto a un anno prima. L’account aggregator si inserisce in un catalogo di prodotti che riguarda i servizi di cash account, di onboarding, card management, prepaid card management, financial advisory e payments.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — «Non esprimo alcuna opinione sull’Ops lanciata da Intesa Sanpaolo su Ubi Banca. A...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BRUXELLES — «Grazie Ursula, non hai ceduto alle pressioni dei "frugali" e hai presentato u...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Groviglio di calcoli e condizioni per l’incentivo agli aumenti di capitale disposto dal Dl...

Oggi sulla stampa