Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa sfida la Brexit con un bond in sterline

Intesa Sanpaolo sfida la Brexit e colloca il suo primo bond in sterline dopo dieci anni. La banca italiana è la prima tra gli istituti nazionali ad affrontare il mercato inglese, 20 volte più piccolo di quello dell’euro e quindi più selettivo. Lo ha fatto con una obbligazione senior preferred a 10 anni da 350 milioni di sterline. Il mercato ha apprezzato l’operazione e in poco tempo ha ricevuto ordini per un miliardo di sterline consentendo di restringere le condizioni iniziali da uno spread di 190 punti base sul Treasury inglese di identica scadenza a 180 pb, cinque centesimi al di sotto dell’equivalente emissione in euro. A sottoscrivere l’80% del bond sono stati operatori basati nel Regno Unito e in Irlanda, Svizzeri 4%, Italiani 2%, Spagnoli 2%, Germania 2% e Grecia 1 per cento. I fund manager hanno fatto la parte del leone con una quota dell’85%, le banche il 5% mentre hedge fund e assicurazioni con il 4 per cento. Presenti anche le banche centrali che hanno sottoscritto fino l’1 per cento. Per Intesa si trattava di dare un messaggio di presenza solida in un mercato dal quale era assente da tempo dopo i collocamenti in dollari e in yen.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa