Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa Sanpaolo e Poste, accordo per tre anni

Un aumento del 130% in cinque anni. Il dato è nel piano industriale di Poste Italiane e riassume la crescita della vendita di prodotti come prestiti e mutui agli sportelli del gruppo guidato da Matteo Del Fante. Rispetto ai 2,6 miliardi di euro di finanziamenti erogati nel 2017 la rete dovrà distribuire prodotti per un valore di 6 miliardi. Un obiettivo che spiega molto dell’accordo quadro di tre anni siglato con Intesa Sanpaolo. Un’alleanza tra due big, dove Poste mette a servizio dell’operazione la rete di 12.800 uffici per la distribuzione di prodotti e servizi targati Intesa Sanpaolo.

La collaborazione segna un cambio di scenario nei rapporti tra il mondo bancario e l’ex ente postale, alla luce dell’avvenuta mutazione di Poste da grande azienda pubblica di recapito a piattaforma di servizi e prodotti finanziari. L’Abi (Associazione bancaria) negli anni ha osservato con sospetto il ruolo di BancoPosta, tanto che quest’ultima è tuttora priva di una licenza bancaria. La convinzione, insomma, è che Poste non sia più tanto un concorrente quanto un canale attraverso il quale vendere. A corredo del disegno concorre il fatto che il mondo bancario, Intesa Sanpaolo compresa, sta provvedendo a ristrutturare e ridurre la propria rete. L’annuncio dell’accordo, non a caso, ricorda che Poste dispone di «una rete capillare» e «di 34 milioni di clienti». Un mercato importante, dove i mutui e i prestiti personali elaborati dall’istituto guidato da Carlo Messina, così come i prodotti gestiti da Eurizon Sgr, saranno comunque in concorrenza. La partnership non prevede esclusive, ma l’annuncio ha avuto effetti sul titolo di Anima (i cui prodotti e polizze sono distribuiti da Poste, in virtù anche del fatto che il gruppo postale ne detiene il 10%) con una flessione del 4,5%. Il mercato si aspetta nuovi accordi di Poste sul fronte della distribuzione dei prodotti assicurativi, con tanto di rumors su un agreement con Unipol. Nel frattempo, i prossimi mesi serviranno a implementare la collaborazione con Intesa Sanpaolo (i primi mutui saranno erogati entro l’estate). Previste anche le ricariche di PostePay presso gli sportelli di Intesa Sanpaolo e il canale Banca 5, l’ex rete Banca dei Tabaccai oggi del gruppo di Ca’ de Sass.

Andrea Ducci

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa