Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa Sanpaolo oltre le stime

Intesa Sanpaolo supera le stime nel trimestre e promette di migliorare ulteriormente i risultati nel resto dell’anno. Il periodo gennaio-marzo ha visto l’utile netto crescere a 1,05 miliardi di euro rispetto a 1,038 mld del quarto trimestre 2018, mentre un anno prima i profitti erano stati di 1,252 mld. Il risultato è migliore di circa il 20% rispetto alle stime del consenso. La redditività è in aumento, con il risultato corrente lordo a +30,8%, il risultato della gestione operativa +33,5% e proventi operativi netti a +4,6%. Il Cet1 pro-forma si è posizionato al 13,5%, «livello top tra le maggiori banche europee».I finanziamenti verso la clientela sono ammontati a 396 miliardi di euro, in aumento dello 0,5% da fine 2018 e in calo dell’1,3% su base annua. I costi operativi sono in diminuzione rispettivamente del 13,9% e del 4,5%. Le commissioni nette sono state pari a 1,886 miliardi, in diminuzione del 7% da fine 2018. La riduzione dei crediti deteriorati è stata di circa un miliardo di euro nel trimestre, di circa 30 mld da settembre 2015 e di circa 17 mld da dicembre 2017, realizzando nei primi 15 mesi del piano 2018-2021 il 64% dell’obiettivo di riduzione complessivo. Circa 12,5 miliardi di nuovo credito a medio-lungo termine sono stati erogati, con circa 10,5 mld in Italia, di cui 9 a famiglie e pmi.

Numeri positivi anche per Banca Imi, con un utile netto consolidato di 240 milioni (+27,7% su base annua), un margine di intermediazione di 517 mln (+18,7%) e il cost-income in discesa dal 26,9 al 22,5%.

L’amministratore delegato Carlo Messina ha osservato che Intesa Sanpaolo è «orgogliosa» dei risultati nonostante il contesto sfidante per i ricavi. Il capoazienda si è detto convinto che le commissioni e gli interessi netti miglioreranno nella seconda parte dell’anno. Vengono confermati gli obiettivi annuali e la previsione di un dividendo generoso, con il payout all’80%, oltre che di un utile ampiamente superiore rispetto a quello del 2018. «Saremo molto vicini alle mie aspettative degli utili anche nello scenario peggiore. Siamo in linea per dare un ottimo dividendo, sempre nell’ottica di remunerare i nostri azionisti, come dimostrato in passato. Il nostro impegno è per dividendi consistenti e sostenibili». Messina ha ricordato che Ca’ de Sass è un campione in termini di efficienza dei costi, anche perché è riuscita a stabilire «una forte correlazione tra la riduzione del personale e quella delle spese amministrative».

Positivi i commenti degli analisti ai numeri trimestrali di Intesa Sanpaolo. Jefferies evidenzia che l’utile netto ha battuto le stime del consenso del 16% e che l’outlook è stato confermato. Quanto all’andamento del titolo, che a fine seduta ha perso il 2,07% a 2,242 euro, l’esperto di una sim milanese ha affermato: «Conti buoni, con una prima reazione immediata positiva del titolo, che poi ha lasciato spazio alle prese di profitto: sell on news».

Giacomo Berbenni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Commissione europea ha avviato un’indagine formale antitrust per valutare se l’uso di Amazon ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessuna esenzione per l'imposta di bollo dovuta dalle start up innovative e dagli incubatori certifi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La questione del big data, ossia dell’uso dei dati di mercato da parte delle imprese, soprattutto ...

Oggi sulla stampa