Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa Sanpaolo oltre le attese Utili a 3 miliardi, Borsa in festa

Il contesto di mercato è a dir poco «sfidante», riconosce il ceo di Intesa Carlo Messina. Ma anche in un quadro «più complesso del previsto», in cui i tassi di interesse permangono ai minimi storici e lo spread volatile erode il patrimonio delle banche, la prima banca italiana conferma la sua solidità, sia in termini di performance economica che di indicatori relativi a patrimonializzazione, funding e liquidità.
I dati parlano chiaro. Nel terzo trimestre dell’anno Ca’ de Sass ha generato un utile di 833 milioni di euro, in rialzo del 28% rispetto allo stesso periodo del 2017, e ha battuto così le stime, che si fermavano a 792 milioni. Se si guarda ai primi nove mesi, il risultato netto supera i 3 miliardi: con 3.012 milioni di utile, la banca mette in fila i migliori primi nove mesi dal 2008, pur senza considerare la plusvalenza da 400 milioni derivante dalla cessione della piattaforma Npl a Intrum, accordo raggiunto in aprile e pronto ad essere finalizzato entro dicembre.
L’incremento della redditività è frutto di un mix di azioni. Da una parte sono cresciuti i ricavi, tanto che i proventi operativi netti sono saliti nei primi 9 mesi del 4%, a 13,7 miliardi, al livello massimo dell’ultimo decennio, soprattutto grazie alla spinta delle commissioni, che con 5,93 miliardi hanno raggiunto il livello massimo di sempre. Ma a contribuire è stato anche il calo dei costi operativi (-3,2%, con un cost/income sceso al 50,5%) e delle rettifiche su crediti (arretrate del 18%). Risultati che il mercato ha apprezzato, tanto che il titolo ha cambiato direzione dopo l’avvio e ha chiuso in rialzo dell’1,28% a 2,0015 euro.
La banca guidata da Messina continua in un percorso di efficientamento oculato, che consente di investire nella crescita. E nel contempo prosegue sul fronte della pulizia sui crediti, tanto che oggi con un tasso di copertura sui deteriorati al 53,6%, c’è spazio per «superare gli obiettivi del piano», che fissano al 6% il target di Npl ratio lordo al 2021, oggi al 9,2%. Del resto la patrimonializzazione «ai vertici di settore in Europa», come evidenziato dall’esito degli stress test, lascia ampio margine di movimento sul fronte delle cessioni. E i primi esiti della partnership con Intrum fanno sperare in «un’accelerazione nei recuperi anche degli utp», così da rendere a portata di mano la soglia del 5% prevista dall’Eba in termini di Npl ratio.
Sulle prospettive, Messina lo dice senza mezzi termini durante la conferenza di presentazione dei dati: l’Italia è un Paese con «fondamentali solidi» e dove non c’è «nessuna possibilità» che il Pil che «cresca nel 2019 meno dell’1%». Il manager non nasconde che «c’è una situazione in cui c’è una comunicazione particolare da parte del Governo», così come «anche la Commissione europea non trasmette una buona comunicazione». Ma, a livello di contesto, non vi è motivo per non confermare «i nostri obiettivi per il 2018 per l’utile netto», di cui peraltro già è stato messo in cascina il 90% dei 3,8 miliardi del 2017. Tanto che, sotto il profilo del dividendo, «alla fine dell’anno i miei azionisti saranno molto contenti». L’unico rammarico, piuttosto, è per un costo del funding non correlato alla rischiosità effettiva della banca. «Abbiamo una posizione di capitale e liquidità molto forte – conclude Messina – Quindi non vogliamo pagare l’eccesso di costo del finanziamento solo perché c’è uno spread tra Btp e Bund oltre 150 punti base, che è il giusto livello dell’economia reale italiana».

Luca Davi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa