Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa San Paolo primo socio della nuova Risanamento

di Sergio Bocconi

MILANO — Risanamento passa alle banche creditrici. Ieri si è chiuso l’aumento di capitale da 150 milioni previsto dal piano di ristrutturazione ed è stato sottoscritto dagli istituti il 72%. L’inoptato verrà offerto in Borsa nei prossimi giorni, ma le banche si sono già impegnate a rilevare i diritti invenduti. La Borsa ha accolto la notizia dell’aumento con un rialzo del titolo pari al 7,18%a 0,283 euro, solo di un soffio sopra il prezzo d’emissione delle nuove azioni, pari a 0,28 euro. A oggi dunque, su sottoscrizioni per 108 milioni, Intesa Sanpaolo ha rilevato il 38,82%delle azioni offerte, Unicredit il 15,54%, Mps il 3,24%, il Banco Popolare il 3,82%e Bpm il 7,20%. Al termine dell’operazione la geografia dell’assetto proprietario della società un tempo controllata da Luigi Zunino e oggi guidata da Claudio Calabi risulterà radicalmente diversa. Le holding che facevano capo all’ex immobiliarista e che ora sono in liquidazione, passeranno dal 73%al 24,68%. Le banche, in caso di integrale sottoscrizione dell’inoptato da parte degli istituti creditori, risulteranno detenere il 66,18%: Intesa Sanpaolo sarà il primo socio con il 37,43%, Unicredit il secondo con 14,98%, quindi seguiranno la Popolare di Milano con il 6,95%, il Banco Popolare con il 3,69%e il Montepaschi con il 3,13%. Il Mercato, anche perché il titolo possa restare quotato in Borsa, resterà al 9,14%. L’assemblea di fine ottobre dell’anno scorso ha approvato, oltre all’aumento, anche l'altra misura di patrimonializzazione già prevista nell’accordo di ristrutturazione: il prestito convertendo per 250 milioni. Il consiglio ha ricevuto la delega per farlo partire (entro il 2012) e i tempi dovrebbero essere brevi. Ciò significa che l’indebitamento, che al momento del crac superava i 3 miliardi e che alla fine del 2010 risultava ridotto a circa 2 miliardi, potrebbe scendere nei prossimi mesi a quota 1,5. In un anno Calabi ha ceduto l’area ex Falck di Sesto San Giovanni alla cordata guidata da Davide Bizzi per circa 400 milioni, e un immobile a Manhattan per 285 milioni di dollari alla famiglia Safra. Il gruppo ora ha in portafoglio un patrimonio immobiliare a Parigi il cui valore è stimato in circa un miliardo, a fronte di debiti per 870 milioni; due palazzi nel centro di Milano (180 milioni a fronte di un debito equivalente verso Rbs); altri due immobili minori in Italia e l’area di Santa Giulia, che si stima valga 500-600 milioni (a fronte di debiti per 180), ma che rappresenta un nodo complicato visto che è sotto sequestro a causa di presunte irregolarità nelle opere di bonifica. Il piano scade nel 2014, ma da Risanamento sottolineano che con i risultati fin qui ottenuti l’attuazione presenta un anticipo di 12-18 mesi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa