Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa, ora Messina prepara la squadra Governance, si cambia

MILANO — Per spiegare meglio perché Enrico Cucchiani, 63 anni, domenica sera si è dimesso all’improvviso da consigliere delegato e Ceo da Intesa Sanpaolo, dopo appena 21 mesi dalla nomina, e al suo posto è stato scelto il direttore generale vicario, Carlo Messina, 51 anni, ieri mattina Ca’ de Sass ha diffuso il seguente comunicato.
«Intesa Sanpaolo precisa che Enrico Tommaso Cucchiani ha lasciato la carica di consigliere delegato e Ceo, dopo aver conseguito i risultati attesi in una fase di perdurante criticità sistemica, alla luce delle necessità per la banca — nel contesto economico attuale e prospettico — di un maggior grado di incidenza sulle dinamiche operative aziendali e di raccordo delle azioni strategiche e gestionali, al fine di accelerare l’effettiva realizzazione delle potenzialità del gruppo. Intesa Sanpaolo ha reputato che, in coerenza con tale necessità, il profilo ottimale per l’assunzione delle funzioni di consigliere delegato e Ceo fosse quello di Carlo Messina, direttore generale vicario».
Proviamo a tradurre: Cucchiani ha raggiunto i risultati sperati durante un periodo di grande difficoltà, ma oggi e in futuro la banca ha bisogno di diventare più dinamica e di maggior sintonia tra chi la gestisce e chi decide le strategie. Da qui la nomina di Messina, il profilo ideale. Sollecitata informalmente dalla Consob, la «precisazione sulla successione» non è bastata alla Borsa, e in Piazza Affari il titolo Intesa Sanpaolo, dopo aver aperto in calo del 4,6%, ha chiuso in calo del 3,54%, tra i peggiori in una seduta negativa a causa dell’incertezza politica.
La novità però è un altra: Cucchiani resterà a Intesa Sanpaolo per altri sei mesi come direttore generale, carica che aveva in quanto amministratore delegato, ma senza poteri e deleghe. Il periodo servirebbe per far maturare i requisiti pensionistici all’ex manager, che ha ricevuto una buonuscita di 3,6 milioni, una somma condannata dai segretari generali delle principali sigle di categoria.
Nel frattempo ieri si sarebbero incontrati i presidenti delle fondazioni azioniste, guidate dalla Compagnia di Sanpaolo e dalla Fondazione Cariplo, per fare il punto della situazione. Oggi, come ogni primo martedì del mese, si riuniranno invece i consigli di sorveglianza e di gestione della banca, che vedranno quindi l’insediamento di Messina al vertice, già al lavoro per preparare la squadra. Il consiglio di sorveglianza potrebbe affrontare inoltre il tema della riforma della governance, con l’addio al sistema duale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa