Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa, Miccichè e Micillo confermati al vertice di Imi

Gaetano Miccichè e Mauro Micillo sono stati confermati rispettivamente nei ruoli di presidente e amministratore delegato di Banca Imi. L’assemblea della banca d’investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, riunita ieri, ha ribadito i due manager al vertice di quello che rappresenta uno dei principali motori di redditività del gruppo guidato da Carlo Messina.

Nel board, oltre a Miccichè e Micillo, ci saranno Giuliano Asperti e Fabio Alberto Roversi Monaco, entrambi vice presidenti, e come consiglieri Giuseppe Attanà, Aureliano Benedetti, Fabio Buttignon, Vincenzo De Stasio, Paolo Maria Vittorio Grandi, Massimo Mattera, Gerardo Pisanu.

Per il collegio sindacale sono stati nominati – quali Sindaci Effettivi – Giulio Stefano Lubatti (Presidente), Carlo Maria Augusto Bertola e Stefania Mancino e – quali Sindaci Supplenti – Giovanni Brondi e Alessandro Cotto.

L’assemblea di ieri è stata anche l’occasione per approvare il bilancio del 2018 che si è chiuso con un risultato netto consolidato di 803 milioni di euro e un dividendo di 192,5 milioni di euro a favore della controllante Intesa Sanpaolo. Via libera anche alla scissione della partecipazione detenuta in Epsilon sgr a Eurizon Capital sgr.

Lo scorso anno, come comunicato al mercato a febbraio, la banca d’investimento ha realizzato un utile record, «il più elevato raggiunto nella storia» e in rialzo «di quasi il 20%» (+19,7%) rispetto al 2017, quando la banca aveva generato un risultato netto di 671 milioni di euro.

A trainare l’utile è stato in particolare l’andamento in crescita dei ricavi, che sono stati caratterizzati da un «robusto livello di interessi netti», come spiega la banca in una nota, e da una «costante crescita» nell’anno delle commissioni da clientela, grazie alle operazioni di finanza strutturata e di investment banking.

Banca Imi, che rappresenta di fatto il motore principale della divisione Corporate e Investmente Banking di Intesa Sanpaolo, aveva registrato un margine di intermediazione che si è attestato a 1,7 miliardi (+7,2%), mentre il risultato della gestione operativa era stato pari a 1,2 miliardi (+9,8%). I costi operativi sono saliti dello 0,9% a 465 milioni, mentre il rapporto cost/income è sceso dal 29,4% al 27,7%. Accantonamenti, rettifiche di valore nette e altri oneri, inclusivi dei contributi ai Fondi di Risoluzione, incidono per complessivi 23 milioni di euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Per gli immobili concessi in leasing l'Imu è dovuta dal locatario anche a seguito della risoluzione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Europa spinge l’acceleratore sulla digitalizzazione della costituzione delle società come ele...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Procedura online per la costituzione di srl in alternativa alla metodologia standard attuale. La dir...

Oggi sulla stampa