Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa, il giallo dei titoli smarriti

di Stefano Sansonetti  

Finiti nel nulla. Forse smarriti, o forse rubati. Al momento dalle parti di Intesa Sanpaolo dicono di non saperne molto. Il fatto certo è che qualche giorno fa si sono volatilizzati 60 assegni circolari del valore di 100 mila euro ciascuno. Nel complesso, quindi, ci troviamo di fronte a un pacchetto di titoli che vale 6 milioni di euro.

L'istituto coinvolto è il Banco di Napoli, presieduto da Enzo Giustino, che rientra nel supergruppo bancario guidato dal ceo Corrado Passera.

Certo, in tempi in cui bisogna pensare a una ricapitalizzazione da 5 miliardi di euro, il presunto smarrimento di 60 assegni circolari, seppur di consistente valore, non sarà una priorità assoluta per i vertici di Intesa. Tra i quali, però, più di qualche preoccupazione è cominciata a circolare se addirittura si è decisa la pubblicazione di un avviso per mettere in guardia tutti coloro che dovessero trovarsi a maneggiare questi titoli.

La vicenda, in effetti, sembra già aver assunto i contorni di un giallo. Nell'avviso del Banco di Napoli, infatti, si parla di uno «smarrimento» avvenuto in data 3 aprile 2010. Da Intesa fanno sapere che molto probabilmente c'è un errore, perché la data dovrebbe essere quella del 3 aprile 2011, altrimenti non si capirebbe perché l'avviso è stato pubblicato proprio in questi giorni.

In secondo luogo l'istituto sembra non sapere dove è avvenuto lo smarrimento: «in un luogo imprecisato», recita l'avviso in modo stringato. Ora, di sicuro il fatto è accaduto in una delle regioni in cui operano le circa 800 filiali del Banco di Napoli. Il perimetro quindi è circoscritto, si fa per dire, a Campania, Basilicata, Calabria e Puglia. Per il resto dal gruppo creditizio, almeno nella giornata di ieri, non è arrivata nessuna risposta alle informazioni chieste da ItaliaOggi. Non è quindi ancora chiaro chi abbia smarrito i 60 assegni circolari, dove li abbia perduti, se effettivamente ci sia la sicurezza che si tratta di semplice smarrimento, se ci siano denunce e se il gruppo abbia attivato qualche contromossa per cautelarsi. L'ipotesi del furto, pur non richiamata all'interno dell'annuncio, non viene esclusa a priori. Chissà.

Di sicuro c'è l'allarme che viene lanciato dal Banco di Napoli all'interno dell'avviso: «invitiamo pertanto tutti i possibili prenditori a non accettare da terzi i citati valori, anche se all'apparenza regolari. Grati per la collaborazione di chiunque vorrà tempestivamente segnalare alle nostre filiali situazioni di relativo tentato utilizzo».

Richiesta comprensibile, resta da vedere in mano a chi sono finiti i 60 assegni da 6 milioni di euro. 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa