Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa, Goldman sale al 5,1% e diventa secondo azionista

Goldman Sachs si ritaglia un posto di rilievo tra i principali azionisti di Intesa Sanpaolo. Partecipazione a breve, quella della banca d’affari americana, che però secondo quanto emerso ieri dalle comunicazioni sulle partecipazioni rilevanti di Consob detiene il 5,17% del capitale del gruppo. Un pacchetto che ai prezzi di chiusura di ieri (2,68 euro, +0,15%) vale oltre 2,2 miliardi e che la colloca temporaneamente alle spalle di Compagnia di San Paolo, primo socio con il 9,18%, e davanti a Fondazione Cariplo, forte del 4,83%.
Dietro alla quota, secondo quanto appreso da diverse fonti di mercato, soprattutto l’ordinaria attività di trading e l’imminente stacco della cedola della banca, che lunedì 22 maggio distribuirà formalmente 3 miliardi ai suoi soci. Non a caso, specifica Consob, la quota di Goldman Sachs Group è composta per il 3,814% da posizioni lunghe con regolamento in contanti e per lo 0,568% da posizioni lunghe con regolamento fisico(in particolare il 3,216% fa riferimento a contratti “forward” con scadenza 08 agosto 2017 e uno 0,092% a contratti di opzione “call” con date di scadenza comprese tra il 19 maggio 2017 e il 21 luglio 2017 e lo 0,463% è un “equity swap” con date di scadenza comprese tra il 29 dicembre 2017 e il 13 gennaio 2020); infine, c’è uno 0,794% rappresentato da una partecipazione potenziale.
Ieri il ceo Carlo Messina, in un intervento uscito sul quotidiano tedesco Handelsblatt, in edizione speciale per il G20 delle imprese a Berlino è tornato a sottolineare che l’economia italiana è in salute, con il Pil che cresce dell’1% all’anno a livelli precrisi ma «c’è però il rischio che tutte le carte vincenti che abbiamo in mano non ci consentano di vincere la partita», bisogna fare i conti con «il forte disagio sociale rappresentato da un tasso di disoccupazione prossimo al 12%» e «puntare a tassi di crescita più sostenuti» prendendo «di petto uno dei problemi strutturali del Paese, l’eccessivo debito pubblico», al 130% del Pil. «È ormai improcrastinabile un piano pluriennale di graduale ma progressivo rientro di questo livello di indebitamento», scrive ancora Messina, tornando a insistere su un punto più volte ribadito nelle ultime settimane, cioè la necessità di un piano di vendita di asset dello Stato e degli enti locali, di società quotate e non quotate, e soprattutto degli immobili: «Ciò che conta non è darsi obiettivi eccessivamente ambiziosi ma presentare un piano credibile e ragionevole di riduzione del debito e dimostrare di conseguire quanto annunciato nei tempi previsti e in maniera costante».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Tocca ad Alfredo Altavilla, manager di lungo corso ed ex braccio destro di Sergio Marchionne in Fca...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I mercati incassano senza troppi scossoni la decisione della Fed di anticipare la stretta monetaria...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È sempre più probabile che non ci sarà alcun nuovo blocco - anche parziale - dei licenziamenti n...

Oggi sulla stampa