Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intesa avvia la revisione della governance duale

Intesa Sanpaolo accelera sulla revisione del sistema di governance interna. Ieri il Consiglio di Sorveglianza della banca, alla presenza degli ispettori della Banca centrale europea, ha iniziato a esaminare gli esiti dell’istruttoria che la commissione guidata da Giovanni Bazoli ha avviato nei mesi scorsi relativamente alla verifica del sistema duale. Un approfondimento probabilmente destinato a continuare anche la prossima settimana, in un Cds che sarebbe già stato pre-allertato. 
Benchè le valutazioni siano ancora in corso, all’interno del board starebbe emergendo un orientamento a favore o di una profonda rivisitazione del sistema duale o di un passaggio al sistema monistico, ritenuto più efficiente rispetto al sistema tradizionale. Nel caso del duale “asciugato”, in particolare, la riforma prevede una riduzione del numero dei consiglieri di entrambi gli organi, con una revisione dei poteri e degli ambiti di azione di entrambi i board.
Più profonda la trasformazione degli equilibri interni nel caso di un passaggio al sistema monistico: in questo caso la banca si doterebbe di un solo consiglio di amministrazione, nominato dall’assemblea dei soci, mentre sarebbe eliminato il collegio sindacale (il controllo contabile sarebbe affidato a un soggetto esterno come un revisore). Secondo le linee guida del monistico, peraltro, a esercitare la funzione di controllo sulla gestione sarebbe un “comitato ad hoc”, eletto nell’ambito del Cda stesso. Accanto a questo è prevista la costituzione di altri comitati interni. Di impronta anglosassone, il sistema monistico di norma viene apprezzato perchè offre una modalità di governo della società più semplice rispetto agli altri modelli, favorendo la circolazione delle informazioni tra l’organo che ha ruoli amministrativi e quello deputato al controllo.
Quello che appare certo, tuttavia, è l’abbandono del sistema di governance duale (con separazione tra il Consiglio di Gestione e il Consiglio di Sorveglianza) che la banca ha adottato sin dai tempi della fusione, datata 2007. Del resto, il presidente del Consiglio di Sorveglianza Giovanni Bazoli già nei mesi scorsi aveva messo in evidenza la necessità di un ritocco dell’attuale sistema di governance, mentre le stesse Fondazioni azioniste vedono con favore il passaggio a un sistema mono-consiglio.
I tempi per la trasformazione rimangono stretti. La bozza di riforma dello statuto, previa verifica dei soci azionisti, dovrà essere approvata quanto prima dalla Sorveglianza per poter essere sottoposta all’esame della Banca centrale europea. Anche perchè subito dopo andrà convocata l’assemblea straordinaria per la validazione definitiva, che ragionevolmente potrebbe tenersi in autunno. A quel punto, Intesa Sanpaolo si sarà dotata di una nuova struttura di governance in termpo utile per il rinnovo degli organi, previsto nell’assemblea ordinaria prevista ad aprile 2016.
Intanto il gruppo prosegue nel percorso di cessione delle partecipazioni considerate non strategiche. Ieri la banca ha ceduto sul mercato il pacchetto di azioni Telecom Italia riveniente dalla scissione di Telco (a uscire da Telecom Italia è stata ieri anche Mediobanca che ha ceduto l’1,64% del capitale): si trattava di 220 milioni di titoli, su cui erano state poste in essere operazioni di copertura dalle variazioni di prezzo, a un prezzo medio di 0,8710 euro, per un controvalore complessivo di circa 191 milioni di euro, in linea con il valore di carico.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa