Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Intervista ad Andrea Mignanelli «Va attivato il monitor sui flussi finanziari»

Capacità di cogliere tempestivamente i segnali di crisi e gestione efficiente da parte degli Ocri, i nuovi organismi di composizione assistita. Sono i due pilastri che determineranno il successo della riforma disegnata dal Codice della crisi, facendo in modo che i benefici in termini di società risanate e di preservazione dei valore di quelle che saranno liquidate superino i costi che il sistema imprese dovrà affrontare. Andrea Mignanelli, amministratore delegato di Cerved Group è ottimista: «L’obiettivo è giusto, è una macchina che si deve mettere in moto e che coinvolgerà migliaia di imprese».

Oggi il rischio allerta riguarda soprattutto le società il cui patrimonio netto è già negativo…

È vero ma questa è proprio la ragione per cui il sistema di allerta è stato introdotto e cioè intervenire prima che il patrimonio netto diventi negativo. A regime, l’aspettativa è che questi numeri si riducano.

Il monitoraggio dei flussi finanziari e della sostenibilità del debito è un indicatore fondamentale. Oggi però solo poche imprese utilizzano il Dscr ( Debt service coverage ratio ), ossia il sistema che lo rileva. Questo non potrebbe pregiudicare l’allerta?

I sistemi di tesoreria che consentano di individuare tempestivamente situazioni di difficoltà e di calcolare il Dscr, sono ancora poco diffusi, soprattutto nella fascia media. Gli imprenditori italiani sono bravissimi a fare business e hanno ottime capacità commerciali ma, in media, hanno una cultura finanziaria ancora insufficiente. È necessario un salto di qualità perché alla base delle crisi spesso c’è proprio la cattiva gestione della tesoreria . Maggiore capacità di prevedere i flussi di cassa vuol dire migliorare la programmazione e la scelta degli investimenti. E questo avrebbe un impatto positivo sull’intera operatività dell’azienda.

Che cosa pensa dei ritardi nella nomina dell’organo di controllo?

Non mi stupiscono. Ci vuole tempo, ma è importante che le aziende capiscano che è una misura destinata a portare benefici e non solo costi aggiuntivi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa