Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Intercettazioni, indagini danneggiate” L’allarme dei procuratori sulla riforma

«Diritto di difesa a rischio». «Procedure dannosissime per le indagini ». «Creazione, questa sì veramente pericolosa, di brogliacci informali della polizia giudiziaria » . «Procedura macchinosa e irrealistica ». Sono queste le considerazioni negative sulla riforma delle intercettazioni che sei procuratori della Repubblica — Giuseppe Creazzo di Firenze, Francesco Greco di Milano, Giovanni Melillo di Napoli, Francesco Lo Voi di Palermo, Giuseppe Pignatone di Roma, Armando Spataro di Torino — hanno inviato alle due commissioni Giustizia di Camera e Senato che stanno esaminando il decreto legislativo del Guardasigilli Andrea Orlando. Nella nota, che Repubblica ha scoperto, e mandata anche a lui, si parla di “ collaborazione istituzionale”, ma le soluzioni di fatto smontano alcuni punti chiave della riforma. Come il sistema per bloccare le intercettazioni irrilevanti, o il divieto di concedere agli avvocati una copia cartacea delle conversazioni, o ancora l’archivio riservato.
Giunta al Senato, la nota ha prodotto due effetti opposti. L’indignazione del forzista Nitto Palma che parla di « invasione di campo » e quella di Felice Casson di Mdp che considera le osservazioni «pienamente condivisibili perché il decreto crea problemi enormi e non affronta le questioni della libertà di stampa » , temi su cui oggi scendono in piazza Montecitorio i giornalisti della Fnsi. Ma vediamo i punti critici. Innanzitutto il meccanismo per buttare via le intercettazioni irrilevanti che «crea notevoli problemi» perché «sembra poggiare su due presupposti irrealistici: che tutte le intercettazioni siano ascoltate e pienamente comprese e valutate in tempo reale e che la rilevanza di una conversazione sia sempre chiara in prima battuta » . Ma i sei dicono che «la realtà s ben diversa » . « Se la polizia giudiziaria non potesse avere a disposizione il compendio intercettato nelle settimane e nei mesi precedenti la possibilità di effettuare indagini sarebbe compromessa e non lieve sarebbe il pregiudizio per la difesa » . Al massimo la polizia potrà buttare via solo le intercettazioni che appaiono subito irrilevanti. Ma i procuratori contestano soprattutto che la polizia faccia dei “ brogliacci informali”.
La pecca del decreto s proprio questa: esso « sottrae al pm la valutazione ponderata della rilevanza e al cittadino le correlate garanzie, perché affida la selezione delle telefonate rilevanti alla polizia giudiziaria, che dovrebbe effettuarla nell’immediatezza e senza che il pm possa esercitare un controllo». Per concludere. Via solo le intercettazioni “ manifestamente” irrilevanti. Poi, ripristino delle copie cartacee per la difesa. E utilizzo delle intercettazioni raccolte dai Trojan horse, i captatori informatici, anche per i reati che si scoprono via via grazie al loro uso. A questo punto che faranno le due commissioni Giustizia e soprattutto che farà il governo quando a parlare sono i principali procuratori italiani?

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa