Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Inflazione in rialzo con benzina e caffè

di Francesca Basso

MILANO — In giugno chi ha preso un aereo o un treno ha pagato di più. Così come chi vive ad Aosta, Bari e Milano ha visto crescere i costi sfiorando quasi il 4%rispetto a un anno fa. Colpa dell’inflazione, che a giugno secondo l’Istat ha toccato quota 2,7%. Dato in linea con gli altri Paesi della moneta unica, certificato da Eurostat, che ha segnalato prezzi stabili al 2,7%. In Italia bisogna risalire al novembre del 2008 per ritrovare queste percentuali. E l’impennata fa preoccupare gli imprenditori. Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, ha sottolineato che si tratta di «un altro problema per lo sviluppo» , perché rischia di abbassare la domanda interna del Paese. «Un modo per ridurre il tasso di inflazione italiano — ha indicato la leader di Viale dell’Astronomia — è fare liberalizzazioni» . Alcuni aumenti sono tipicamente stagionali. In particolare il settore dei servizi ricettivi e di ristorazione, ovvero alberghi (+2%), campeggi (14,4%), stabilimenti balneari (+3,5%) ma anche ristoranti e bar. Tuttavia, rileva l’Istat, la principale spinta all’aumento deriva dal rialzo dei Servizi relativi ai trasporti (+5,2%rispetto al 2010), che risentono anche del caro-carburanti, con benzina e gasolio che hanno fatto schizzare i prezzi di biglietti per aerei e traghetti. Le famiglie hanno visto aumentare anche il costo della spesa quotidiana: gli alimentari hanno raggiunto il record da oltre due anni, segnando rispetto allo stesso mese del 2010 un aumento del +3%, una crescita che supera anche il tasso d’inflazione complessivo. Se si includono anche i carburanti, il gruppo dei beni acquistati con maggiore frequenza dagli italiani registra un ulteriore rialzo annuo pari al 3,5%: in un anno il caffè è rincarato dell’ 11,5%(si va dallo 0,82 euro di una tazzina a Palermo all’ 1,02 di Bolzano), la farina del 6,2%, lo zucchero del 9,4%, la frutta fresca dell’ 13,9%. L’accelerazione dell’inflazione, fanno i conti Adusbef e Federconsumatori, farà sborsare in più alle famiglie 251 euro annui per i consumi alimentari e 488 per i carburanti. Perché se su base mensile l’Istat rileva diminuzioni per i prezzi di tutti i carburanti, su base annua, invece, si registrano ancora crescite a doppia cifra sia per la verde (+11,9%) che per il diesel (+14,0%). Si tratta di rialzi che si riflettono direttamente sui trasporti (+6,1%), specialmente su traghetti (+52,8%), aerei (+13,8%) e treni (+8,4%). Luglio non promette ribassi sul fronte dei prezzi: all’orizzonte c’è l’ «alta» stagione per le vacanze e i rialzi delle quotazioni di carburanti già accumulati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa