Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Indennizzi ridotti fino a 15 addetti

Reintegrazione nel posto di lavoro esclusa anche per il licenziamento disciplinare ritenuto illegittimo dal giudice, indennizzi al lavoratore dimezzati rispetto a quelli previsti per le grandi imprese, e, in ogni caso, non superiori a sei mensilità di retribuzione. Sono queste le novità arrivate con il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti per le «piccole» imprese. O meglio, per le imprese che non superano la soglia dei 15 dipendenti o gli altri requisiti dimensionali previsti dall’articolo 18 (commi 8 e 9) dello statuto dei lavoratori.
Anche in queste aziende, il nuovo contratto a tutele crescenti in vigore per le assunzioni effettuate dal 7 marzo in poi, si somma con l’esonero contributivo previsto dalla legge di stabilità 2015.
Vediamo, dunque, quali sono le disposizioni da considerare in vista di eventuali nuovi inserimenti di personale o stabilizzazioni nelle imprese che occupano fino a 15 dipendenti.
L’esonero contributivo
Il primo aspetto da considerare è il bonus previsto dalla legge 190/2014 (articolo 1, commi 118 e seguenti): per 36 mesi, per le nuove assunzioni a tempo indeterminato stipulate entro il 31 dicembre 2015 (esclusi apprendisti e lavoratori domestici), è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, esclusi i premi e i contributi Inail, nel limite di 8.060 euro all’anno.
Anche nelle aziende che hanno fino a 15 dipendenti, bisogna verificare che non ci siano le condizioni di esclusione dal beneficio. L’esonero non spetta infatti nei casi di assunzione di lavoratori:
che nei sei mesi precedenti siano stati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;
per i quali il beneficio sia già stato fruito in relazione a una precedente assunzione a tempo indeterminato;
con i quali il datore, considerando anche le società controllate o collegate in base all’articolo 2359 del Codice civile o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto, aveva già in corso un contratto a tempo indeterminato nei tre mesi precedenti l’entrata in vigore della legge 190/2014 (ossia dal 1° ottobre al 31 dicembre 2014).
Sul nuovo beneficio contributivo l’Inps ha fornito le istruzioni operative con la circolare 17 del 29 gennaio 2015, e poi con il messaggio 1144 del 13 febbraio 2015 (che ha istituito il codice di autorizzazione 6Y).
L’istituto ha evidenziato che si tratta di un incentivo all’occupazione, rivolto a tutti i datori privati di ogni settore economico, con unità produttive localizzate in qualsiasi area del territorio. Non solo: la sua applicazione prescinde da criteri di discrezionalità amministrativa e non richiede che ci sia un incremento dell’organico.
L’esonero spetta anche in caso di conversione di un contratto a tempo determinato e per le assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione.
Il cumulo con altri incentivi
Lo sgravio previsto dalla legge di stabilità 2015 non si può abbinare ad altre agevolazioni di tipo contributivo, ma è cumulabile con gli altri incentivi alle assunzioni di natura economica, come i bonus per inserire in azienda lavoratori disabili (articolo 13 della legge 68/1999), giovani genitori (Dm 19 novembre 2010), beneficiari dell’Aspi e iscritti alla Garanzia giovani.
Infine, i datori che fanno nuove assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, possono fruire dell’esonero contributivo della legge di stabilità 2015, abbinandolo all’incentivo economico previsto dall’articolo 8, comma 4, della legge 223/1991.
Reintegra in casi limite
Se fino a oggi, nel caso delle Pmi (non rientranti nell’ambito di applicazione dell’articolo 18 della legge 300/1970), il licenziamento dei dipendenti era regolato dalla legge 604/1966, in seguito al Dlgs 23/2015, per i nuovi assunti a partire dal 7 marzo scorso, e per i contratti a termine e di apprendistato convertiti a tempo indeterminato dalla stessa data, in caso di licenziamento ingiustificato si applicano norme diverse.
In pratica, se il giudice dichiara la illegittimità del licenziamento, si avranno le seguenti conseguenze a seconda che il dipendente sia stato assunto:
fino al 6 marzo 2015: riassunzione o, a scelta del datore, risarcimento del danno con una somma stabilita dal giudice tra 2,5 e 6 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto;
dal 7 marzo 2015: 2 mensilità della retribuzione di riferimento per il calcolo del Tfr per i primi due anni di occupazione, aumentati di una mensilità per ogni altro anno di servizio, fino a un massimo di sei mensilità.
In pratica, la reintegrazione nel posto spetta solo se si tratta di licenziamento discriminatorio, nullo perché contrario a una norma di legge o non intimato per iscritto (si veda l’articolo a fianco).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa