Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Incidente di Fiumicino, indagati i due piloti

ROMA — Primi indagati per l’incidente aereo di Fiumicino. I nominativi del pilota e della co-pilota sono finiti sul registro della procura con l’accusa di disastro e lesioni colpose. Il procuratore di Civitavecchia Gianfranco Amendola e il pubblico ministero Paolo Calabria hanno formalmente aperto il fascicolo dopo che la Polaria ha consegnato una prima informativa con gli interrogatori dei passeggeri e del comandante e gli esiti dei primi accertamenti. E oggi i magistrati affideranno le consulenze tecniche.
Accertamenti che non tralasceranno nulla. La prima cosa che verrà analizzata saranno eventuali errori dei piloti sia per quanto riguarda l’incidente sia per il profilo degli infortuni sul lavoro (due persone dell’equipaggio sono rimaste ferite). Il disastro è davvero imputabile al vento o c’è stata qualche responsabilità di chi sedeva ai comandi? Questo il punto di partenza di una perizia che, però, ha un respiro molto più ampio. I consulenti dovranno valutare anche la manutenzione dei mezzi, la sicurezza, e tutta la documentazione su appalto e subappalto. Per questo non è escluso che la lista degli indagati, nei prossimi giorni, possa allungarsi.
Non solo. All’interno del fascicolo è stato inserito anche l’esposto del Codacons in cui si denuncia la strana anomalia per cui viene acquistato un biglietto Alitalia e, poi, ci si trova a viaggiare con altri vettori. Una pratica che potrebbe non avere rilievo penale ma che, in ogni caso, verrà analizzata dagli inquirenti.
Proprio in funzione di queste verifiche, sono state fatte le prime iscrizioni sul registro degli indagati per permettere che agli accertamenti, non ripetibili, possano partecipare anche gli esperti delle parti. E per ora le toghe sono partite dei profili più ovvi: quello del comandante e del suo vice.
Ma nel mirino, ovviamente, potrebbero finire anche i vertici di Carpatair: erano loro i responsabili diretti della sicurezza del mezzo. Non è escluso che l’inchiesta possa coinvolgere anche Alitalia. Gli inquirenti sono stati chiari: anche le modalità di conferimento dell’appalto e le eventuali e successive verifiche sulle condizioni di sicurezza del vettore romeno saranno oggetto di approfondimento. Non è detto,
dunque, che la compagnia italiana, che domenica ha più volte ribadito di non avere nulla a che fare con quell’Atr finito fuori pista, non venga sfiorata dalle indagini. Alitalia avrà anche potuto togliere la sua livrea dalla fiancata dell’aereo incidentato (scelta che ha suscitato molte polemiche ma che ha avuto l’autorizzazione dei magistrati) ma non potrà cancellare altrettanto facilmente le proprie responsabilità laddove ce ne fossero.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa