Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Inchiesta per infedeltà patrimoniale Perquisite le abitazioni dei Ligresti

Infedeltà patrimoniale: è il nuovo reato per il quale la Procura di Torino indaga sulla famiglia Ligresti e gli amministratori e manager considerati più vicini. Ieri sono stati notificati sette avvisi di garanzia e la guardia di finanza ha perquisito uffici e appartamenti dei destinatari, pare con l’eccezione di quello di Paolo Ligresti, che si troverebbe all’estero. Il dossier è stato aperto in seguito a una trentina di denunce di piccoli soci di Fonsai.
Nel mirino dei pm torinesi Salvatore Ligresti e i figli Jonella, Giulia e Paolo; l’ex vicepresidente di Fonsai Antonio Talarico e l’ex consigliere Vincenzo La Russa; Fausto Marchionni, ex amministratore delegato di Fonsai particolarmente legato alla famiglia; Emanuele Erbetta, il dirigente subentrato a Marchionni e che ha però guidato il gruppo nella fase di passaggio della proprietà dai Ligresti a Unipol, contribuendo al superamento dei numerosi ostacoli alzati in primo luogo dagli stessi Ligresti i quali, dopo aver firmato l’accordo con il gruppo bolognese, si sono opposti all’operazione (destinata alla fusione) che ha salvato la compagnia e li ha estromessi. Il nuovo filone di indagine si aggiunge a quelle per falso in bilancio e ostacolo all’autorità di vigilanza, reati già ipotizzati nell’agosto 2012 dalla stessa Procura di Torino che poi in ottobre ha messo anche sotto indagine Giancarlo Giannini dell’Isvap.
Avvisi e perquisizioni arrivano dopo che martedì sono state convocate, su richiesta del commissario ad acta Matteo Caratozzolo, le assemblee di Fonsai e Milano per azioni di responsabilità contro i Ligresti e, fra gli altri, Talarico, La Russa e Marchionni. Nella relazione di Caratozzolo viene sottolineato il fatto che i Ligresti hanno etero-diretto e spogliato Fonsai attraverso operazioni in conflitto d’interessi compiute con «controparti correlate», cioè i Ligresti stessi e società a loro riconducibili. Un quadro di azioni che secondo il commissario ha fruttato benefici «abnormi» a Salvatore e figli e danni ingentissimi, per centinaia di milioni, a Fonsai. Ipotesi ovviamente respinte da Salvatore che ha ipotizzato azioni legali.
Il quadro disegnato da Caratozzolo appare coerente con le indagini dei pm torinesi: il reato di infedeltà patrimoniale si compie quando amministratori o manager, avendo interessi in conflitto con quelli della società, in vario modo arrecano danni a quest’ultima e benefici a se stessi. E i Ligresti, attraverso operazioni immobiliari squilibrate a loro favore e incassando compensi ingiustificati hanno contribuito negli anni al dissesto della compagnia, salvata ora dalla fusione con i bolognesi.
Del resto gran parte delle operazioni e dei benefici, dai compensi milionari a Salvatore alle sponsorizzazioni Fonsai alla società proprietaria dei cavalli di Jonella, oggetto nell’ottobre 2011 della denuncia del socio di Fondiaria-Sai Amber, delle successive indagini dei sindaci e infine della relazione del commissario, sono emersi con evidenza e chiarezza per la prima volta nel prospetto informativo redatto nel giugno 2011 da Fonsai per l’aumento di capitale da 450 milioni. Una «trasparenza» non casuale: la logica a circuito chiuso, la kermesse di operazioni autoreferenziali compiute dai Ligresti ha cominciato a far capolino nei documenti societari in virtù del fatto che dal 2011 è diventata pienamente operativa la disciplina Consob sulle operazioni con parti correlate, con relative procedure e obblighi di comunicazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa