Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

In pensione senza sconti

Nessun «arrotondamento» sui requisiti per la pensione. Dopo la riforma Fornero, a partire dal 1° gennaio 2012, l’anzianità contributiva va maturata interamente (se servono 20 anni, vanno maturati tutti e 20 gli anni per intero), senza possibilità di arrotondare all’eventuale frazione di mese. Uniche eccezioni: i salvaguardati, le pensioni di inabilità, l’opzione donna e chi ha 40 anni al 31 dicembre 2011, nel qual caso bastano 39 anni, 11 mesi e 16 giorni. Lo precisa l’Inps nel messaggio n. 2974/2015.

Riforma Fornero. I chiarimenti riguardano l’ultima riforma delle pensioni, c.d. Fornero, che ha introdotto nuovi requisiti per il pensionamento (art. 24 del dl n. 201/2011 convertito dalla legge n. 214/2011). La riforma è in vigore dal 1° gennaio 2012 e ha previsto, per coloro che hanno maturato al 31 dicembre 2011 i requisiti (età e contributi) previsti dalla vecchia normativa, la conservazione del diritto alla pensione in base a tale previgente disciplina, sia ai fini del diritto che della decorrenza. Inoltre, nei confronti di determinate categorie di soggetti (i c.d. salvaguardati) ha previsto che, ancorché maturino i requisiti dopo il 31 dicembre 2011, continua ad applicarsi la disciplinai vigente prima del 6 dicembre 2011 (data di entrata in vigore del citato art. 24).

Nessun arrotondamento. In seguito a quesiti pervenuti sul significato dell’espressione «maturazione dei requisiti per il pensionamento» usata in varie norme, l’Inps fornisce chiarimenti ai criteri di arrotondamento dell’anzianità di contribuzione per i lavoratori iscritti alle gestioni esclusive dell’Ago (sono in pratica i dipendenti pubblici), ai quali i contributi sono calcolati in anni, mesi e giorni, e in particolare agli iscritti al fondo speciale del personale dipendente dalle ferrovie dello stato e al fondo di poste. L’Inps spiega che la determinazione dell’anzianità contributiva e assicurativa necessaria per il conseguimento del diritto alla pensione con i nuovi requisiti della riforma Fornero (legge n. 214/2011), nonché con il sistema delle c.d. quote, non si deve operare alcun arrotondamento per eccesso o per difetto alla frazione di mese dal momento che l’anzianità stessa deve essere interamente maturata (arrotondamento previsto all’art. 59, comma 1, lett. b, della legge n. 449/1997). L’arrotondamento, invece, continua a operare nelle ipotesi indicate in tabella.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa