Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

In arrivo i 730 precompilati

Dichiarazione dei redditi tramite modello precompilato. Pagamento forfettario di un’unica imposta per i contribuenti di minori dimensioni. Potenziamento dei sistemi di tracciabilità dei pagamenti, favorendo una corrispondente riduzione dei relativi oneri bancari. Queste alcune delle norme contenute all’interno del testo della delega fiscale che, ieri, prima ha ottenuto il via libera da parte della commissione finanze della camera e, poi, ha visto l’inizio della discussione generale sul testo in aula a Montecitorio. Salvo incidenti di percorso, quindi, il via libera definitivo al testo è in programma per oggi. Si apre uno spiraglio per le dichiarazioni dei redditi precompilate almeno per i piccoli contribuenti. Quello che in altri paesi è realtà, per il fisco italiano, infatti, è di difficile applicazione (si veda ItaliaOggi del 19 marzo 2013). La difficoltà di attuazione, infatti, è sempre stata diretta conseguenza della complessità del sistema fiscale. Questa volta, però, oltre alla previsione normativa all’interno del testo, tutto l’impianto delle delega mira alla semplificazione del sistema fiscale. La coincidenza di questi due interventi dovrebbe consentire l’attuazione della misura di semplificazione. Per i piccoli contribuenti in arrivo anche la possibilità di pagare, al posto della moltitudine di imposte, un’unica imposta onnicomprensiva, «prevedendo differenziazioni in funzione del settore economico e del tipo di attività, con premialità per le nuove attività produttive». L’approvazione della delega, inoltre, porterà con sé novità anche sul fronte della tracciabilità dei pagamenti. All’interno del testo, infatti, è espressamente previsto «l’incremento dell’utilizzo di sistemi di pagamento che garantiscano la tracciabilità», a fronte, però, di una diminuzione degli oneri bancari. La proposta, anche nell’ottica della lotta al riciclaggio, era stata più volte avanzata trasversalmente da tutti gli schieramenti politici (si veda ItaliaOggi del 27 settembre 2013) e potrebbe avere il placet anche del neoministro dell’economia Pier Carlo Padoan che, proprio ieri, dopo aver esternato il suo apprezzamento nei confronti dell’impianto delle delega fiscale, ha ricordato come sia «necessario mantenere alta e costante l’attenzione nella lotta all’evasione».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa