Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Imu, le aliquote ammazza affitti

Le tabelle riportate di seguito illustrano il quadro degli aumenti determinati dall’applicazione dell’Imu, rispetto all’Ici, dopo le modifiche approvate dai comuni, con nuove delibere o con variazioni alle delibere già approvate, entro il termine di legge del 31 ottobre 2012.

In particolare, le tabelle illustrano, in valori assoluti e in percentuale, la differenza fra l’imposta dovuta a titolo di Ici nel 2011 e l’imposta dovuta a titolo di Imu nel 2012 per un immobile medio situato nei capoluoghi di regione nei due casi in cui esso sia locato con contratto «libero» (4+4) e con contratto «concordato» (3+2, a canone calmierato).

La variazione dell’imposta è determinata, oltre che dall’innalzamento delle aliquote, dall’aumento del 60% della base imponibile, dovuto alla variazione del moltiplicatore da applicare alla rendita catastale (già aumentata del 5% nel 1996), che per gli immobili abitativi è passato da 100 a 160 (manovra Monti «Salva Italia»).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa