Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Imprese, l’appartenenza vince: distretti in forma e agguerriti

I distretti industriali italiani godono di buona salute, trainati soprattutto da alcuni poli di eccellenza e da una pronunciata propensione a esportare. È quanto emerge dalla quinta edizione del Rapporto annuale del Servizio studi e ricerche di Intesa Sanpaolo in cui sono stati analizzati i bilanci aziendali degli ultimi quattro anni di oltre 13mila imprese appartenenti a 144 distretti industriali e di quasi 36mila aziende non-distrettuali.

Imprese distrettuali più dinamiche. Secondo l’indagine, i distretti nel biennio 2011-2012 hanno registrato un aumento del fatturato del 3%, facendo meglio delle aree non distrettuali (+1%).

Un trend positivo su cui ha inciso la più pronunciata propensione a esportare dei primi, che per questo sono stati premiati, visto il periodo di crescita della domanda mondiale e di debolezza di quella interna. Nel biennio appena trascorso, infatti, il pil mondiale è cresciuto del 5,2%, a fronte del calo in Italia dei consumi delle famiglie (-4%) e degli investimenti (-10,2%).

Restano, però, elevate le differenze tra singoli distretti. In particolare, il Rapporto individua anche gli 11 migliori che svettano per le loro buone performance dal punto di vista della crescita e delle condizioni reddituali: la gomma del Sebino Bergamasco; cinque aree di specializzazione nel sistema moda (l’occhialeria di Belluno, la pelletteria e le calzature di Firenze, la concia e le calzature di Santa Croce sull’Arno, il tessile di Biella, l’abbigliamento del Napoletano); tre distretti agro-alimentari (i vini di Langhe, Roero e Monferrato, il prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, i salumi di Parma); un polo del sistema casa (il marmo di Carrara) e uno della meccanica (le macchine per l’imballaggio di Bologna).

Le previsioni per il biennio 2013-2014. Nonostante la crisi, anche l’outlook per l’anno in corso è positivo (+1,1%), un risultato contenuto condizionato dalle attese di perdurante debolezza del mercato interno; mentre un balzo dell’attività produttiva è atteso per il 2014, quando il fatturato delle imprese distrettuali dovrebbe mostrare un aumento del 4%. Con migliori prospettive di crescita per la filiera metalmeccanica dovute a una lenta ripresa del ciclo degli investimenti destinati al potenziamento qualitativo e di efficienza del tessuto produttivo italiano e, soprattutto, all’elevata competitività di molti prodotti italiani sui mercati internazionali.

I punti di forza. Secondo il Rapporto a trainare la crescita dei distretti è in primo luogo la più elevata propensione sia a esportare sia a investire all’estero: circa il 41% esporta, mentre nelle aree non distrettuali questa quota è di molto inferiore e si colloca al 30%. Inoltre, il numero delle partecipate estere ogni 100 imprese è pari a 34 nei distretti, mentre nelle aree non distrettuali si ferma a 25.

In particolare, tra le aziende inserite in determinati cluster vi sono più investitori (8,9% delle imprese contro 7,1% per le aree non distrettuali). Ma questo aspetto non è il solo a contribuire al successo dei poli produttivi del Made in Italy: anche in termini di propensione all’innovazione tecnologica esiste un differenziale importante.

Il numero di domande di brevetto ogni 100 aziende è, infatti, pari a 45 nei distretti e a 32 nelle aree non-distrettuali. L’indagine osserva poi una maggiore propensione a registrare marchi a livello internazionale tra le imprese dei distretti, probabilmente a causa della più elevata presenza sui mercati esteri (circa 40 brand ogni 100 imprese mentre nei non distretti non superano i 21). Un risultato determinato secondo il Rapporto anche dalla prossimità territoriale che sembrerebbe aver favorito, grazie ai processi imitativi, una maggiore diffusione di strategie imprenditoriali vincenti.

Le criticità. Non è però tutto oro quel che luccica: la ricerca evidenzia anche alcune criticità con cui le filiere si trovano a fare i conti.

In primis, gli effetti della globalizzazione con la tentazione da parte delle imprese committenti di ricorrere a subfornitori localizzati in paesi a basso costo del lavoro.

La ricerca evidenzia, inoltre, che nel caso in cui i committenti abbiano iniziato a produrre direttamente all’estero, i subfornitori hanno trovato difficoltà a seguirli. Attraverso un’indagine sul campo effettuata in alcuni distretti dell’Emilia Romagna, si è poi cercato di capire se e quanto alcune competenze dell’impresa subfornitrice rendano strategico per il committente il mantenimento della relazione di fornitura a livello locale.

I risultati mostrano che i fornitori più innovativi e qualificati realizzano performance nettamente migliori e che i committenti anche in futuro intendono avvalersi di loro. Insomma i minori costi dei subfornitori esteri possono essere più che controbilanciati e produrre in Italia si può, a patto però di investire in conoscenza e in un’offerta di qualità che siano il più possibile diffusi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa