Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Imprese, il 38% si sente a rischio. Bankitalia: entrate giù del 20%

I colpi che l’economia del Paese ha incassato durante la fase acuta della pandemia hanno lasciato segni profondi. A metterli a nudo è l’Istat con un’indagine sulla reazione delle imprese nella fase del lockdown. Un numero per tutti: il 38% delle aziende italiane segnala «rischi operativi e di sostenibilità della propria attività».

Il rapporto dell’Istituto di statistica arriva nel giorno in cui Bankitalia segnala che ad aprile le entrate tributarie sono state pari a 24,2 miliardi, in diminuzione del 20,4% (-6,2 miliardi). Un dato tutt’altro che sorprendente visto il combinato disposto della sospensione di alcuni versamenti fiscali e del peggioramento del quadro macroeconomico. Resta il fatto che nei primi quattro mesi del 2020 le entrate tributarie sono state pari a 119,1 miliardi, in diminuzione del 2,8% (-3,4 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tutto ciò ha già un effetto sul debito pubblico, aumentato ad aprile di 36 miliardi rispetto al mese precedente toccando così quota 2.467,1 miliardi.

La misura della crisi sta anche in un altro importante segnale: la comparsa del segno meno davanti al dato dell’inflazione. Non accadeva dall’ottobre 2016. A maggio l’Istat stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo possa registrare una diminuzione dello 0,2% sia su base mensile sia su base annua. La flessione è legata al calo delle quotazioni del petrolio e in generale al ribasso dei prezzi dell’energia.

Tornando all’indagine Istat sulle imprese, condotta tra l’8 e il 29 maggio su circa 90 mila attività che producono l’89,8% del valore aggiunto nazionale, il 51,5% — con un’occupazione pari al 37,8% del totale — prevede una mancanza di liquidità per far fronte alle spese che si presenteranno fino alla fine del 2020. Sono il 42,8% le imprese che hanno fatto richiesta di accesso ad almeno una delle misure di sostegno della liquidità e del credito varate in emergenza. Al momento della rilevazione quattro richiedenti su 10 avevano ottenuto gli aiuti. Gli ammortizzatori sociali (cassa integrazione e Fis, fondo integrazione salariale) sono stati usati dal 70,2% delle aziende.

Piccoli in difficoltà

Le microimprese segnalano maggiori difficoltà su fatturato,

risorse e personale

Da notare che tre imprese su 10 (32,5%) sono rimaste sempre attive anche durante il lockdown. E si tratta della quota più rilevante dal punto di vista economico e dell’occupazione in quanto rappresenta il 48,3% degli addetti e il 60,9% del fatturato nazionale.

Anche la crisi Covid ha dimostrato però che «piccolo non è più bello». Le microimprese (3-9 addetti) che hanno sospeso l’attività sono state il una su due, il 48,7%, contro il 14,5% delle grandi con oltre 250 addetti. D’altra parte anche la mancanza di liquidità e i cali del fatturato aumentano al diminuire della dimensione aziendale. Per quanto riguarda le misure di prevenzione, solo il 2,9% delle imprese non ne ha predisposto nessuna. La quasi totalità (96,7%) ha provveduto a sanificare gli ambienti di lavoro e ha garantito ai dipendenti i dispositivi di protezione, a partire dalle mascherine.

Per finire, l’organizzazione del lavoro. Nei mesi immediatamente precedenti la crisi, escludendo le imprese prive di lavori che possono essere svolti a casa, solo l’1,2% del personale era impiegato a distanza. Tra marzo e aprile i dipendenti che hanno lavorato da casa sono saliti all’8,8%. Anche dopo la fine del lockdown la quota di lavoratori in smart working è rimasta significativa: 5,3%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

BERLINO — Non solo due tedesche, non solo due donne, ma "due europeiste convinte". La conferenza s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BRUXELLES — Con la telefonata ad Emmanuel Macron, ieri pomeriggio Charles Michel ha concluso il pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il gruppo BancoBpm prova a cedere i crediti del gruppo Statuto. Secondo indiscrezioni, l’i...

Oggi sulla stampa